Frana blocca la statale 199, traffico deviato e disagi

Problemi per gli utenti costretti ad allungare il percorso di diversi chilometri Auto deviate sulla Olbia-Sassari. Sollecitato un rapido intervento dell’Anas

OSCHIRI. l Monte Acuto è ostaggio di uno smottamento, avvenuto all'inizio di febbraio nella strada statale 199 "di Monti": arteria di fondamentale importanza per i collegamenti viari fra Ozieri, Oschiri, Berchidda, Monti e Telti. E' una vecchia strada, costruita quando ancora non operavano gli attuali mezzi di sbancamento e movimento terra, e si lavorava con le braccia umane, pala e piccone, ma che, ancora oggi, si rivela fondamentale per il traffico, soprattutto quello verso l'ospedale, gli uffici e le scuole di Ozieri.

Una strada tranquilla che fa bene il suo dovere, fuori dall'infernale traffico della Olbia-Sassari, con tutti i suoi pericoli, ed incidenti, anche mortali che la cronaca registra. L'evento franoso, definito dall'Anas con «massi di grande dimensione sono caduti sul piano viabile al km 2.300», in territorio di Ozieri, tanto che tutta la porzione di strada, fino ad Oschiri è stata interdetta al traffico, tranne che per quello locale. Il sopralluogo effettuato dai tecnici dell'Anas ha appurato l'equilibrio instabile lungo il pendio prospiciente la strada, con grave pregiudizio alla sicurezza della circolazione stradale, che fino ad ora sembrerebbe essersi ingessata, a quella situazione, visto che fin'ora nessun comunicato è pervenuto, e gli sbarramenti ad Oschiri ed Ozieri sono ancora sotto occhi di tutti.

Per questo motivo iIl traffico è stato deviato sulla statale 132 e sulla 597 Olbia-Sassari, col conseguente aumento di pericoli per l’utenza che deve anche sobbarcarsi una percorrenza chilometrica, che secondo le stime fatte dai tecnici dell'Anas, è passata dai 20 ai 25 chilometri oltre che agli aggravi di tempi di percorrenza, che si rivelano di fondamentale importanza, ad esempio, in caso di incidenti per le ambulanze di pronto intervento, per il raggiungimento dell'ospedale di Ozieri ed eventualmente, anche per i mezzi di soccorso e quelli delle forze dell’ordine.

Il pericolo in quei 400 metri di strada verrà subito risolto? Sono in molti a sperarlo, anche alla luce dei malumori manifestati dalla gente, e delle conseguenti vibranti proteste che già si levano da più parti nei centri interessati alla vicenda.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

TrovaRistorante

a Olbia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

IL SITO DI GRUPPO GEDI PER CHI AMA I LIBRI

Scrivere e pubblicare libri: entra nella community