La minoranza chiede un Consiglio

La Maddalena, “Il vento che cambia” vuole una seduta per trattare otto punti

LA MADDALENA. I consiglieri del gruppo di opposizione “Il vento che cambia” chiedono la convocazione di un consiglio comunale per discutere, fra gli altri, alcuni temi di stretta attualità, come la vertenza Saremar e il ridimensionamento dell'ospedale Paolo Merlo.

«Con i colleghi Arianna Carola, Rosanna Giudice e Roberto Zanchetta – afferma il capogruppo di minoranza Gaetano Pedroni – rappresentiamo il venticinque per cento del numero di consiglieri. Per alcuni argomenti ci sono scadenze impellenti: intendiamo sapere come intende muoversi l'amministrazione Montella e di conseguenza il Consiglio comunale. La seduta, come prevede il regolamento, dovrà essere convocata entro venti giorni dalla richiesta». Sono otto i punti inseriti all'ordine del giorno.

Il primo punto che verrà trattato riguarda il caso delle bombole del gas: dopo i controlli dell'ufficio tecnico causati da una guerra tra concorrenti sui prezzi da applicare ai clienti, tre rivenditori su quattro non sono più autorizzati alla vendita. La minoranza chiede poi che venga fatto il punto della situazione sia sulla vertenza Saremar sia sul futuro dell'ospedale Paolo Merlo, oltre che sulle strutture dell'ex arsenale e sulle infrastrutture legate al mancato G8.

«Sull'incompiuta ex “Opera Pia” abbiamo discusso tanto ad agosto, ma poi non è stata più fatta alcuna riunione – dice Gaetano Pedroni –. Intendiamo sapere anche a che punto è il progetto delle isole ecologiche a scomparsa. E cosa

si sta facendo per il progetto di riqualificazione del waterfront dell'isola. In aula consiliare va inoltre discusso il Piano per il Parco della Maddalena, cioè lo strumento di programmazione ambientale del territorio che ha una valenza superiore al Piano urbanistico comunale». (w.b.)

TrovaRistorante

a Olbia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PUBBLICARE UN LIBRO: DAL WEB ALLE LIBRERIE

Come vendere un libro su Amazon e da Feltrinelli