“Sa fita”, fine anno ad Alà all’insegna della tradizione

DEI SARDI. Ritorna in paese l’attesa manifestazione di fine anno che coinvolge sempre i più giovani. “Sa fita”, la tradizionale e vecchia questua porta a porta, come tradizione per l’ultimo giorno...

DEI SARDI. Ritorna in paese l’attesa manifestazione di fine anno che coinvolge sempre i più giovani. “Sa fita”, la tradizionale e vecchia questua porta a porta, come tradizione per l’ultimo giorno dell’anno, si presenta giovedì 31 dicembre.

La quinta edizione di “Sa fita”, tradizionalmente, è la fetta di pane (“peltusita” per le signorine, “cabudeddu” per i giovanotti) che, l’ultimo giorno dell’anno, secondo tradizione, si faceva sbriciolare in testa ai propri figli come buon auspicio per il nuovo anno, con chiaro riferimento alla prosperità del nuovo anno contadino. Si parte di mattina, dalle 9.30. Per l’occasione, la Pro loco di Alà dei Sardi ha preparato come sempre dei pani della tradizione locale. Appuntamento, dunque, giovedì mattina, in via Roma, con i sapori della tradizione e il piacere di un buon libro “in limba”. Oltre ai

pani tipici del periodo, ai giovani questuanti verrà donato il libricino “Alà - Città dei Balari” sul popolo ribelle che, molto probabilmente, abitava il territorio alaese già a partire da 2500 anni fa.

Il volume, che verrà offerto ai questuanti, è curato da Roberto Mette. (s.d.)

TrovaRistorante

a Olbia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista