Restyling dello stadio Nespoli, dalla giunta Nizzi 100mila euro

Il finanziamento, deciso nell’ultima riunione dell’esecutivo, si aggiunge ai 50mila euro già assegnati Fra i lavori di adeguamento della struttura previsti quelli per la videosorveglianza e l’illuminazione

OLBIA. Non lascia, ma raddoppia. Se l'Olbia continua ad attendere il ripescaggio in Lega Pro, il Comune non si ferma, ma anzi accelera, sul fronte dello stadio Nespoli. Il sindaco Settimo Nizzi, nell'ultima riunione di giunta, ha licenziato la delibera con la quale aggiunge ulteriori 100 mila euro ai 50 mila inizialmente destinati dalla precedente amministrazione per l’adeguamento della struttura agli standard del calcio professionistico. Dopo una nuova verifica tecnica sullo stato dello stadio, il Comune ha ritenuto necessario integrare l'importo delle risorse attingendo al capitolo di bilancio destinato alla manutenzione degli immobili comunali.

Stadio a norma. La Lega Pro non è una certezza, ma avere uno stadio a norma diventa una condizione essenziale per ottenerla. Se l'Olbia da parte sua percorre le strade della burocrazia federale, il Comune lavora per avere uno stadio all'altezza della categoria. La nuova delibera con la quale la giunta comunale incrementa le risorse per l'attività di manutenzione straordinaria per l'adeguamento dell'impianto è così finalizzata ad ottenere la licenza nazionale per disputare campionati professionistici. Gli interventi vanno in due direzioni principali: da una parte l'impianto di illuminazione, dall'altra quello di videosorveglianza. Per quanto riguarda il primo, si tratta di mettere mano non solo ai pali verticali dell'illuminazione, ma anche a un sistema di illuminazione orizzontale del campo da gioco che favorisca le dirette televisive. Infatti, se l'Olbia dovesse essere ammessa alla prossima Lega Pro, una delle novità potrebbe essere quella delle dirette streaming di alcune partite giocate in notturna. Il campionato, infatti, in base alla riforma della Lega, verrà "spalmato" nelle giornate dal venerdì al lunedì. L'Olbia potrebbe tornare in tv, per la gioia di tifosi e appassionati, ma serve un impianto di illuminazione che garantisca immagini televisive di qualità.

Videosorveglianza. Per quanto riguarda, invece, l'impianto di videosorveglianza, le esigenze sono strettamente legate alla sicurezza. Il sistema di videosorveglianza era andato completamente distrutto durante l'alluvione del 2013 e da allora non era mai più stato ripristinato. Telecamere, sistemi video di registrazione degli ingressi e dei settori dello stadio, una strumentazione fondamentale per adeguarsi ai più stringenti criteri di sicurezza che differenziano un campionato di calcio professionistico da quello dei dilettanti. L'aumento delle risorse dovrebbe consentire anche l'immediato inserimento di altri interventi di adeguamento non obbligatori per l'iscrizione in Lega Pro

della società, ma necessari per garantire standard all'altezza della categoria: ingrandire la sala stampa posizionata nella parte alta della tribuna centrale, interventi di miglioramento degli spogliatoi e altre piccole opere di restyling che consentano al Nespoli di fare il salto di qualità.

TrovaRistorante

a Olbia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Come trasformare un libro in un bestseller