CALANGIANUS

I bambini invadono le Poste e scrivono a Babbo Natale

CALANGIANUS. Quarantaquattro alunni di prima e seconda elementare dell’Ines Giagheddu hanno depositato le proprie letterine di Natale nella cassetta allestita all’ufficio postale e indirizzate a...

CALANGIANUS. Quarantaquattro alunni di prima e seconda elementare dell’Ines Giagheddu hanno depositato le proprie letterine di Natale nella cassetta allestita all’ufficio postale e indirizzate a Babbo Natale senza affrancatura. La scuola grazie alle maestre ha aderito all’iniziativa e gli scolari, abituati oggi alle tastiere dell’era digitale, hanno dovuto scrivere con la penna le letterine. Non potevano certo prescindere nelle loro richieste dalla realtà in cui vivono : hanno così manifestato solidarietà verso chi è colpito dalla guerra, verso chi non ha niente da mangiare,verso chi vive il dramma della separazione dei genitori. E verso i migranti. Una richiesta è stata fatta : che non ci siano più terremoti, trombe d’aria e che tutti i bambini stiano bene. Le letterine

verranno recuperate dai “Postini di Babbo Natale”, i quali poi provvederanno a recapitare a casa di ogni bambino “la risposta di Babbo Natale” con un piccolo gadget da costruire. L’iniziativa di Poste Italiane è anche un piccolo contributo al percorso formativo degli scolari. (p.z.)

TrovaRistorante

a Olbia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

SCRIVERE: NARRATIVA, POESIA, SAGGI

Come trasformare un libro in un capolavoro