Il ministro inaugura la nuova palestra

Prima la tappa in municipio e poi il taglio del nastro nella moderna struttura sportiva finanziata dal governo Renzi

CALANGIANUS. Il taglio del nastro lo ha fatto Francesco, un ragazzo down. Al suo fianco il sindaco Loddo, che gli ha ceduto il posto, e soprattutto Luca Lotti, ministro dello Sport, Editoria e Programmazione, arrivato a Calangianus per inaugurare la nuova palestra. Alla fine della serata un sopralluogo al “Signora Chiara”, per il quale (grazie a Lotti) sono stati erogati 650mila euro per fare il manto sintetico. E qui, il ministro, ha voluto una foto insieme con i piccoli della scuola calcio.

La tappa del ministro è partita dal municipio. «Avere Lotti nella nostra aula consiliare rende questa giornata straordinaria», ha detto il sindaco Loddo davanti ai sindaci del territorio, ai politici e alle autorità militari. «Inaugureremo una palestra, la più bella del territorio, richiesta da tutta l’amministrazione, e realizzata grazie al governo Renzi. E poi ringraziamo il ministro per il finanziamento per il sintetico. Unica amarezza: non aver trovato i soldi del campo coperto per i meravigliosi atleti del circolo tennis».

Il sindaco, presentando al ministro il paese e la sua storia legata al sughero, ha voluto dichiarare la propria solidarietà ai lavoratori di Ganau che hanno perso il posto di lavoro. Lotti, nel suo intervento, si è dichiarato onorato di essere qui perché la prima delibera da lui firmata nel 2014 riguardava i provvedimenti per la scuola. E poi il Cipe, di cui è segretario, «dà soldi mirati al territorio dove ci sono comunità vive e amministratori fattivi, che sfruttano al meglio il nostro lavoro». Il ministro, per far fronte alla crisi del sughero, si è poi rivolto al senatore Giuseppe Luigi Cucca e il consigliere regionale Gavino Manca affinché sollecitino Governo e Regione.

Prima del taglio del nastro, la dirigente scolastica Pinuccia Mura ha evidenziato «che questa è una giornata che fa ben sperare. Rappresenta i risultati dell’impegno di diversi attori e delle istituzioni». I ragazzi di Calanginus e Luras hanno poi eseguito dei canti, oltre l’inno di Mameli al completo e una bella canzone

sull’ inclusione. In tanti, alla fine, hanno fatto la fila per una foto col ministro.

E poiché presto, anche a Calangianus, ci saranno le amministrive, Lotti ha parlato con due futuri candidati (Bertolucci e Albieri) e ha detto loro: «Vi auguro che serviate al meglio il vostro paese».

TrovaRistorante

a Olbia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

IL SITO DI GRUPPO GEDI PER CHI AMA I LIBRI

Scrivere e pubblicare libri: entra nella community