Olbia, rissa al porto: arrestati due ultras galluresi

Tifosi toscani aggrediti dopo Arzachena-Pontedera: prima il Daspo poi i domiciliari. Per altri due obbligo di firma

OLBIA. Si aggrava la situazione giudiziaria dei quattro ultras dell'Arzachena e dell' Olbia, già raggiunti da un provvedimento di Daspo, responsabili di aver aggredito un gruppo di tifosi del Pontedera il 17 settembre scorso nella stazione marittima di Olbia al termine della partita fra l'Arzachena e la squadra toscana.

Questa mattina per un 33enne di Olbia e un 38enne di Arzachena sono scattati gli arresti domiciliari, mentre per gli altri due olbiesi di 30 e 40 anni è stata notificata la misura cautelare dell'obbligo di presentazione in Commissariato alle 8 e alle 20 di ogni giorno. Il giudice per le indagini preliminari Alessandro Di Giacomo, accogliendo in toto le richieste degli uffici investigativi della Polizia, ha ritenuto la sussistenza di gravi indizi di colpevolezza nei confronti dei

quattro.

Secondo la ricostruzione della Polizia, i quattro avrebbero aggredito i tifosi toscani armati di cinture, ferendo a un occhio un supporter del Pontedera. Durante l'aggressione sarebbe stato colpito alla nuca anche il funzionario di Polizia incaricato del servizio d'ordine.

TrovaRistorante

a Olbia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

IL SITO DI GRUPPO GEDI PER CHI AMA I LIBRI

Scrivere e pubblicare libri: entra nella community