Il ministro Delrio inaugura la nuova caserma della finanza

Taglio del nastro alla presenza del rappresentante del governo e dei vertici delle fiamme gialle La struttura super moderna è stata realizzata dal Provveditorato su un’area concessa dal Comune

OLBIA. Operativa già da agosto, la nuovissima e super moderna caserma del gruppo di Olbia della guardia di finanza è stata inaugurata ufficialmente ieri alla presenza del ministro delle infrastrutture e trasporti Graziano Delrio. Accanto al rappresentante del governo, i vertici della guardia di finanza nazionale e regionale: il generale di corpo d’armata Giorgio Toschi, comandante generale delle fiamme gialle, il comandante per l’Italia centrale generale Edoardo Valente e il generale di brigata Bruno Bartoloni, comandante regionale della Sardegna, oltre alle associazioni combattentistiche. Presente anche il presidente della Regione Francesco Pigliaru, gran parte degli assessori regionali, i consiglieri regionali galluresi, il sindaco Settimo Nizzi e gli altri sindaci della Gallura, e il parlamentare Gian Piero Scanu. Una cerimonia affollatissima ospitata nel grande cortile antistante la caserma di via Emilio Salgari, in zona Bandinu, dove si è svolto il picchetto d’onore.

A tagliare il nastro, Lucia Saba, madrina della cerimonia, nipote della guardia di terra Antonio Saba, medaglia d’argento al valor militare, alla cui memoria è dedicata la caserma (che eredita la precedente intitolazione). Saba, nativo di Serrenti, era caduto durante un’operazione anticontrabbando in provincia di Bolzano il 3 giugno del 1933.

Nel giorno del quarto anniversario dell’alluvione, il ricordo delle vittime è emerso spesso negli interventi del ministro Delrio e del comandante generale e regionale. I vertici della guardia di finanza hanno ripercorso le varie tappe che hanno portato alla realizzazione della moderna struttura, costruita dal Provveditorato nazionale alle opere pubbliche su un’area di 10 ettari messa a disposizione della guardia di finanza dall’amministrazione comunale di Olbia. Struttura che si compone di un corpo centrale dove sono racchiusi, su tre piani, gli uffici e gli alloggi per il personale dipendente, ed è dotata di tutte le tecnologie indispensabili ad un corpo di polizia economico-finanziaria. All’interno del lotto edificato è stato anche realizzato un canile che può ospitare fino a otto cani del nucleo cinofilo specializzati nella ricerca di sostanze stupefacenti, esplosivi e ricerche molecolari. Dal 1999 le fiamme gialle erano ospitate al porto industriale, a Cala Saccaia, nei locali del Cipnes. Una sistemazione che doveva essere provvisoria dopo che la caserma storica di Corso Umberto era stata dichiarata inagibile. Una “provvisorietà” durata ben 18 anni.

«Grazie da parte dello Stato per il vostro servizio – ha detto il ministro Delrio, che ha messo l’accento sul tema della legalità – Inaugurare questa bella caserma non vuol dire dare privilegi ma dignità al vostro lavoro».
Il sindaco di Olbia ha donato al comandante del gruppo di Olbia Marco Salvagno il tricolore e dopo la benedizione del vescovo monsignor Sebastiano Sanguinetti, ha fatto seguito l’alzabandiera. La preghiera del finanziere recitata dal comandante Salvagno ha chiuso la cerimonia .



TrovaRistorante

a Olbia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Premio ilmioesordio, invia il tuo libro