Olbia, paziente colpito da una forma meno aggressiva di meningite

Il comunicato della Assl esclude infezione meningococcica: l'agente patogeno è il pneumococco

OLBIA. In un comunicato stampa l'Assl  di Olbia ha fatto sapere che per il 50enne ricoverato a Nuoro da ieri 10 gennaio, si può escludere praticamente con certezza la meningite da meningococco, quella più aggressiva. Ma l'agente patogeno isolato è lo "streptococco pneumoniae" responsabile comunque di una infezione meningea, per fortuna del paziente, molto meno aggressiva.

Questo il comunicato. "Sono stazionarie le condizioni di salute del 50enne da ieri notte ricoverato nel reparto Malattie infettive del “San Francesco” di Nuoro che mostrava sintomi di una sospetta infezione meningea. Gli accertamenti in corso sin dal pomeriggio di ieri hanno escluso con ragionevole certezza la meningite da meningococco, quella particolarmente aggressiva".

leggi anche:

"Attualmente _ prosegue il comunicato _ , le caratteristiche morfologiche e microscopiche del germe isolato e le caratteristiche delle colonie cresciute nei terreni di coltura, hanno evidenziato che l’agente patogeno responsabile dell’infezione meningea è lo “streptococco pneumoniae”, meglio noto come “pneumococco”, responsabile di polmoniti e otiti, per il quale sono in corso le cure del caso sul paziente. La certezza sulla natura batterica si avrà con la conferma biochimica (attesa nella serata di oggi) e antibiogramma (attesa nella mattinata di domani), attualmente in corso. Così come previsto dal protocollo, il Servizio di Igiene e Sanità Pubblica della Ats - Assl di Olbia ha attivato sin da ieri l’indagine epidemiologica suo contatti stretti, mentre da questa mattina ha sospeso la profilassi dei contatti stretti avviata nella serata di ieri e prevista in caso di meningite da meningococco".

TrovaRistorante

a Olbia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro