La stagione lunga parte da Porto Cervo

Gli hotel Cala di Volpe e Romazzino apriranno ad aprile e chiuderanno a ottobre. Scelta supportata da eventi internazionali

INVIATA A PORTO CERVO. La destagionalizzazione è un lusso da nababbi. Additata per anni come il simbolo del turismo rapace, predatrice di portafogli di lusso per una manciata di mesi, la Costa Smeralda dà lezione di stagione lunga. E apre già ad aprile due delle sue perle alberghiere più preziose, il Cala di Volpe e il Romazzino. Una estate anticipata e con i fiori d’arancio

. La fiera internazionale dell’organizzazione dei matrimoni accompagnerà l’esordio primaverile della Costa Smeralda dal 25 al 28 aprile con 300 wedding planner. È la terza volta che questo evento mondiale viene ospitato in Europa, la prima in Sardegna. Il gruppo Marriott, colosso dell’accoglienza di lusso nel mondo, presenta la sua novità con una punta di orgoglio. Mentre in giro per la Sardegna la stagione lunga è ancora un polpettone indigesto per convegni alla camomilla, a Porto Cervo la vacanza dei nababbi è servita già dalla primavera.

Il manager  Franco Mulas
Il manager Franco Mulas


Numeri e calendario. La matematica lo dice chiaramente. Gli hotel della Costa Smeralda nel 2018 resteranno aperti da fine aprile fino ai primi di ottobre. Cinque mesi. Quasi un miracolo in una Gallura costiera che accende le sue luci con tempi da presepe. Già nel 2017 Marriott aveva posticipato la chiusura del Cala di Volpe e del Pitrizza alla prima settimana di ottobre. Il Romazzino aveva sigillato l’ingresso una settimana prima. Non era mai successo.

«Per questo 2018 abbiamo deciso anche di anticipare l’inizio della stagione – spiega Franco Mulas, area manager Marriott Costa Smeralda –. L’”Engage summit” è una straordinaria occasione per portare la Costa Smeralda e tutta la Sardegna al centro dell’attenzione internazionale. I nostri partner potranno presentare i loro prodotti, vini, formaggi, a una potenziale clientela proveniente da tutto il mondo». Per quattro giorni Porto Cervo sarà il regno dei matrimoni, con oltre 300 professionisti del settore. Nel workshop wedding planner e albergatori incontreranno tutti gli operatori che lavorano all’organizzazione delle nozze. «Questo evento consente di dare visibilità alla Sardegna a livello internazionale, portandola nel cuore della destinazione più esclusiva e proponendola come tale nel segmento dei matrimoni», sottolinea Claudio Cadeddu, direttore Sales e Marketing area Costa Smeralda per Marriott.

Stagione record. Un 2017 da record. Il fatturato complessivo di Marriott ha registrato un incremento del 10% sul 2016. Per il 2018 si punta a una crescita di un altro 10%. Le camere occupate hanno segnato nel 2017 un più 17,3% rispetto al 2016, la previsione è un ulteriore 13% in più per l’anno in corso. La spesa per il personale, cresciuta del 9% sul 2016 prevede un ulteriore 7% in più per il 2018.

Eventi a catena. Dal trionfo del sì di lusso all’inno alla cultura con il Premio letterario Costa Smeralda, in programma il 28 aprile. Il mese di maggio si aprirà con il congresso nazionale di Federalberghi, dal 3 al 5 al Conference center. Una settimana dopo, dall’11 al 14, tra il Cala di Volpe e il Conference center si svolgerà l’assemblea nazionale di Federagenti. All’interno di questo programma ci sarà il tradizionale appuntamento con il “Forum del lusso possibile”.

Dal 18 al 21 il Wine&Food festival festeggia il suo decimo compleanno. Nello stesso mese grande sport con tornei internazionali di paddle e uno di tennis con le vecchie glorie della racchetta. «Sono queste le iniziative di cui ha bisogno l’isola e la Costa Smeralda per promuovere il territorio e creare ottime ragioni per venire in Sardegna nei mesi di spalla – aggiunge Mulas –. Nella logica di offrire nuovi servizi apriremo la spa al Romazzino. Sarà gestita da noi con l’ausilio di un brand internazionale». Le stesse coccole di lusso sono state pensate per il Pitrizza ma nel 2019.

Alla conquista dei Millennials. Al momento rappresentano il target che manca alla Costa Smeralda. Nessuna strategia in stile Ibiza per conquistarli. «I beach bar sono un interessante espediente – commenta Cristina Gattu, Digital marketing coordinator Marriott –. Supportiamo la strategia aziendale anche attraverso i canali online e digital».
 

TrovaRistorante

a Olbia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PUBBLICARE UN LIBRO

Sconti sulla stampa e opportunità per gli scrittori