I bambini delle scuole adottano le spiagge

Arzachena, insieme al Comune e al Consorzio ripuliranno i litorali e diventeranno i loro guardiani

ARZACHENA. Lavoro sinergico tra Comune e Consorzio Costa Smeralda per la realizzazione del progetto “Adotta una spiaggia”. Saranno coinvolte le scuole e diverse associazioni locali che promuovono l’amore, la valorizzazione e la tutela dell’ambiente. Nell’incontro di coordinamento nella casa comunale, sindaco e amministratori sottolineano importanza e finalità dell’evento, organizzato dal Consorzio sotto la direzione artistica di Beatrice Luzzi, patrocinato dal Comune, col supporto scientifico della fondazione Medsea. «Deve essere un tavolo qualificato e permanente – dichiara il sindaco Roberto Ragnedda –. Il tema della tutela degli arenili è prioritario. Serve un ottimo coordinamento, per questo abbiamo appoggiato e patrocinato “Adotta una spiaggia” e il “Premio Costa Smeralda”. Abbiamo definito le linee guida del progetto che partirà il 20 aprile e si ripeterà ogni anno. È un faro per il rapporto tra i cittadini di ogni età con il mare». Sono coinvolti 150 alunni delle terze medie di Arzachena e Abbiadori. «Ogni classe adotterà e pulirà un lido, insieme a docenti e incaricati del Comune – spiega il delegato all’Ambiente, Michele Occhioni –. La ditta che gestisce il servizio di nettezza urbana fornirà sacchetti e depliant illustrativi. In programma anche laboratori mirati al fenomeno dell’abbandono dei rifiuti». Beatrice Luzzi sottolinea che i bambini sono molto attenti a questi temi. «Saranno portavoce con le loro famiglie – afferma –. Affronteremo temi diversi, per l’anno prossimo pensiamo al carico antropico. In linea con quanto previsto dalla Conservatoria delle coste di Cagliari si possono approfondire temi specifici. Al termine
del percorso scientifico ogni alunno riceverà l’attestato di guardiano della spiaggia adottata dalla classe». Massimo Marcialis, direttore generale Consorzio Costa Smeralda: «L’evento mira a far conoscere a figli e nipoti le nostre spiagge, così come le abbiamo conosciute». (w.b.)

TrovaRistorante

a Olbia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

SCRIVERE: NARRATIVA, POESIA, SAGGI

Come trasformare un libro in un capolavoro