Maxi spot di Lineablu: Olbia e Golfo Aranci in mostra su Raiuno

Un’intera puntata dedicata ai tesori ambientali del territorio. Grande spazio all’isola di Tavolara e alla mitilicoltura in città

OLBIA. Sirene, cozze e teste coronate. I tesori di Olbia e Golfo Aranci sono finiti dritti in tv per aprire la stagione 2018 dello storico programma «Lineablu». Una puntata interamente dedicata a Tavolara, alla mitilicoltura nel golfo olbiese e ai colori da cartolina di Capo Figari. Un maxi spot che ha riempito di orgoglio i galluresi seduti davanti alla tv. La puntata della trasmissione di Raiuno, condotta dalla giornalista Donatella Bianchi, è riuscita a unire ambiente, storia e professioni del mare. La troupe di «Lineablu» è partita dalla Marina di Olbia, a Sa Marinedda, ed è sbarcata a Tavolara. Tra gli intervistati Augusto Navone, direttore dell’Area marina protetta, che ha parlato delle principali attività di salvaguardia ambientale. Poi sono intervenuti Mario Romor, istruttore subacqueo, e la naturalista Giovanna Spano, che ha illustrato gli importanti risultati nell’ambito del progetto di tutela della berta minore. Più tardi tappa a Spalmatore di Terra, sempre su Tavolara, dove è stato intervistato il soprintendente Francesco Di Gennaro, che è intervenuto sui recenti ritrovamenti dei resti di un villaggio della cultura villanoviana, che ha preceduto di qualche secolo gli Etruschi. Infine, davanti ai microfoni di Donatella Bianchi, ci sono finiti il re di Tavolara Tonino Bertoleoni, l’erede al trono Giuseppe, che lavora nella cucina del ristorante di famiglia, e anche Antonio Bertoleoni, pescatore, pure lui membro della “casata reale”. Donatella Bianchi si è poi trasferita a Golfo Aranci. Qui ha raccontato la storia della statua della sirena che entra ed esce dal mare, ha parlato del museo sottomarino e ha incontrato Francesca Magnone, istruttrice della «Casa delle sirene», che insegna a numerose ragazze a nuotare al mare e in piscina con le gambe infilate dentro una finta coda di pesce. Sempre a Golfo Aranci si è parlato dell’allevamento di spigole e orate al largo di Figarolo, con l’intervista al biologo Fulvio Mongile. Grande spot
anche per la mitilicoltura nel golfo. Le telecamere di «Lineablu» hanno infatti seguito in mare il mitilicoltore Ivan Giua, olbiese doc, che ha illustrato le principali fasi della raccolta delle cozze lungo i filari e le operazioni di pulizia all’interno dello stabulario. (d.b.)

TrovaRistorante

a Olbia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Come trasformare un libro in un bestseller