Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Cinquanta trasferimenti a Milano: bufera fra Regione e Air Italy

Un aereo di Air Italy sulla pista di Olbia

L'assessore regionale Careddu: "La compagnia non rispetta i patti"

OLBIA. È bufera sul destino di circa 50 quadri di Air Italy che da ottobre saranno trasferiti da Olbia e Malpensa. La Regione Sardegna va su tutte le furie e attacca la compagnia aerea: «non rispetta le promesse», dice viale Trento. Il vettore fa sapere che si tratta di una decisione presa dal Cda nell'ambito della prevista riorganizzazione, che riguarda in particolare alcuni settori operativi.

«Si tratta di una scorrettezza che la Regione non è assolutamente intenzionata a ignorare - dice l'assessore dei Trasporti Carlo Careddu -: il management della società, infatti, durante l'incontro svolto ad aprile scorso a Villa Devoto, aveva negato l'intenzione di portare avanti questo intervento. L'azione del vettore si rivela ancor più incomprensibile anche perché il personale interessato dal trasferimento ricopre mansioni che possono essere gestite da remoto».

L'assessore annuncia che convocherà immediatamente i vertici della società e chiederà un incontro «urgente e chiarificatore» al ministro del Lavoro e dello Sviluppo economico, Luigi Di Maio, e a quello dei Trasporti, Danilo Toninelli, alla presenza di Air Italy e dei lavoratori. «Ricordo - sottolinea Careddu - che nel 2016 è stato siglato un accordo sindacale ora totalmente disatteso»