CALANGIANUS 

Vermentino Festival, tutto è pronto

Sabato sera a San Leonardo musica, degustazioni e un dibattito

CALANGIANUS. Nel cuore delle terre degli antichi stazzi, attorno alla chiesetta di San Leonardo, sulla provinciale 38 (Luras-Priatu), va in scena sabato la quarta edizione del Vermentino Wine Festival, patrocinato dal Comune e dall’Unione dei comuni. In una antica cussorgia, ieri terra di allevamento e di coltivazione del grano, oggi si rivive una nuova stagione grazie ai vigneti di Vermentino. In questa zona, un’altra bella stagione venne vissuta quando arrivò nel 1929 il treno che collegava Tempio con Palau: l’isolamento era finalmente terminato ma poi, negli anni ’60, gli stazzi furono abbandonati. San Leonardo sembrava così tornata al suo silenzio. Un po’ di vivacità solo in occasione della festa ai primi di giugno.

Poi, col passare degli anni, appaiono i vigneti e i nuovi proprietari, eredi dei pastori, vogliono far rinascere l’antica cussorgia. Nasce così Vermentino Wine festival, promosso dall’Associazione culturale San Leonardo. «Siamo coscienti - disse il presidente Pietro Venturu all’inaugurazione - di quanto San Leonardo sia al centro di una bella realtà vinicola e sappiamo che certe nostre entità rappresentano davvero un’eccellenza del prodotto. Di questo siamo fieri ma siamo anche consapevoli della bella realtà del Vermentino in Gallura. Occorre, però, lavorare meglio in sinergia, affinché non ci sia chi prevalga sugli altri. Il nostro è un territorio che può dare cultura e occupazione oltre a incrementare il turismo. Bisogna spegnere quegli istinti commerciali aggressivi di certe realtà che spesso separano, dividono e non consentono un lavoro di squadra».

Ecco il programma.

Sabato alle 18,30 inaugurazione con taglio del nastro; saluti del presidente Pietro Venturu e del sindaco Albieri. Sia all’inaugurazione che durante la serata si esibiranno il coro Su Nugoresu di Nuoro e il solista Valerio Meloni. Alle 18,45 un convegno a tema con la presenta di esperti enologi.

La conclusione sarà affidata all’assessore regionale all’Agricoltura Pier
Luigi Caria. Alle 20 cena a base di zuppa gallurese e prodotti locali. Seguirà, negli stand allestiti sotto gli olivastri, la degustazione libera di vini e prodotti tipici. Poi i momenti di confronto e di approfondimento tra esperti privati, aziende e addetti ai lavori . (p.z.)

TrovaRistorante

a Olbia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro