Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Musica, la Sardegna incontra l’Europa

Alà dei Sardi, oggi il progetto “S’Ard-Terre di Nessuno” voluto dal Comune

ALÀ DEI SARDI. L’amministrazione comunale (assessorato al Turismo) ospita nel proprio Comune, questa sera, alle ore 21 nella piazzetta Palazzo Corda, il progetto “S’Ard - Terre di Nessuno”, destinato alla valorizzazione e al recupero del patrimonio culturale della Sardegna, attraverso le sue antiche tradizioni sonore unite alle interrelazioni e influenze, in particolare, delle aree mediterranea, celtica ed irlandese. Si tratta, di fatto, di un viaggio immaginario che parte dalla Sardegna per sbarcare in Terre di Nessuno, ognuna con la propria cultura e la propria musica, ma ricche tutte di sonorità affini.

La sensibilità e la bravura del celebre musicista Mauro Mibelli e degli altrettanto apprezzati artisti Paolo Brandano, Peppe Albanese e Chiara Pilosu trasporteranno gli spettatori in questi mondi sonori, Irlanda, Scozia, Bretagna, Spagna, Francia, Sardegna e Gallura. Sentimento, ragione e malinconia saranno la compagnia di questa serata fatta di stelle, terra, cielo, in una collocazione suggestiva fra graniti e murales.

È un’occasione per conoscere e apprezzare, inoltre, il progetto “Petralana” che, ideato e voluto da Mauro Mibelli e Maria Antonietta Pirrigheddu, integra e contorna il progetto S’Ard nella ricerca e valorizzazione della cultura sarda. Musica e parole che raccontano storie ricche di immagini e suggestioni, e che trasportano l’ascoltatore lungo un viaggio fantastico.

La serata sarà un degno preludio alla manifestazione “Austu in Ala”, che si terrà il giorno seguente, una giornata dedicata alla promozione dei prodotti enogastronomici e artigianali del territorio di Alà dei Sardi, contornata da eventi musicali e folkloristici previsti per rappresentare al meglio le produzioni ei saperi locali, in un intreccio di abilità artigianali e culturali. (s.d.)