Tra 20 giorni la farmacia ma con sede provvisoria

Arzachena, la cordata che ha ottenuto la concessione aprirà in via Ruzittu  Il sindaco: il servizio definitivo dovrà essere all’interno del centro storico

ARZACHENA. Taglio del nastro tra una ventina di giorni della farmacia comunale, la quarta nel territorio. L’annuncio è della cordata di farmacisti che ha ottenuto la concessione per l'apertura della nuova sede. Si trova nella parte iniziale di via Ruzittu, una delle porte d'ingresso del centro storico di Arzachena. Per l'amministrazione comunale la collocazione è però temporanea. «Siamo contenti dell'attivazione del servizio, richiesto da tempo dai cittadini – dichiara il sindaco Roberto Ragnedda –. Attendiamo comunque che non vengano disattese le richieste comunali iniziali. La sede definitiva della farmacia dovrà essere individuata all'interno dei confini del centro matrice, cioè nel cuore pulsante del centro storico di Arzachena, ridisegnati con una delibera di giunta. Così come preannunciato anche dagli stessi titolari, che hanno assunto l'impegno di individuare un locale più idoneo alle esigenze del territorio e della comunità, rispettando quindi gli indirizzi dell'amministrazione comunale».

La battaglia legale per la sede della quarta farmacia era iniziata in aprile. La cordata di farmacisti che si è aggiudicata la concessione del presidio aveva presentato ricorso ai giudici amministrativi contro la delibera di giunta che restringe il perimetro del centro matrice. Il Comune aveva difeso la scelta di ridisegnare la planimetria in cui collocare la nuova sede ribadendo che è finalizzata a rivitalizzare il centro storico. Sulla carta i confini comprendono il tratto tra la stessa via Ruzittu, la piazza, Corso Garibaldi e vie limitrofe. La giunta dell'ex sindaco Alberto Ragnedda per la quarta farmacia, autorizzata nel 2012 con il decreto Monti, aveva fissato il presidio nel centro di Arzachena e indicato nella planimetria anche viale Costa Smeralda tra le possibili zone.

Il Tar a giugno aveva dato ragione all'attuale amministrazione respingendo l'istanza cautelare dei farmacisti, così come i giudici della Terza sezione del Consiglio di Stato, che avevano confermato con ordinanza la discrezionalità della scelta comunale di spostare la zona di pertinenza della nuova farmacia dal centro storico al più ridotto centro matrice. Anche in considerazione del fatto
che non era preclusa alla cordata di farmacisti la possibilità di procurarsi locali alternativi, compatibili con la nuova delimitazione.

L'assegnazione definitiva della Regione è del 10 maggio, successiva cioè alla data di adozione (5 aprile) della delibera di giunta impugnata.

TrovaRistorante

a Olbia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro