Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Delitto di Alà, 17 anni ad Antonio Baltolu

Il tribunale di Sassari

Processo con il rito abbreviato a Sassari: l'uomo condannato per l'omicidio di Pietro Nieddu avvenuto il 9 aprile 2017

SASSARI. Il giudice per le udienze preliminari del tribunale di Sassari ha condannato a 17 anni di reclusione Antonio Baltolu, 28 anni, di Alà dei Sardi al termine del processo che si è celebrato con rito abbreviato per l’omicidio del compaesano Pietro Nieddu, di 47 anni. Il delitto era avvenuto il 9 aprile dello scorso anno.

L’accusa, sostenuta dal pubblico ministero Cristina Carunchio, aveva chiesto l’ergastolo per Antonio Baltolu. Il pm aveva infatti contestato all’imputato l’aggravante dei futili motivi, aggravante che il gup Carmela Rita Serra ha escluso nella sentenza, letta al termine di una breve camera di consiglio.

Antonio Baltolu, nella notte fra il 9 e 10 aprile, aveva esploso due colpi di pistola contro Pietro Nieddu al termine di una lite scoppiata all’interno di un bar, in piazza Popolo. Baltolu, subito dopo il delitto si era costituito ai carabinieri di Ozieri. L’imputato era assistito dagli avvocati Lorenzo Galisai e Sergio Milia, mentre la famiglia di Pietro Nieddu, che si era costituita parte civile, era patrocinata dall’avvocato Sebastiano Chironi.