SANT’ANTONIO 

Acquedotto rurale, presto via ai lavori

Verrà sistemato con fondi regionali. Soddisfatto il sindaco Viti

SANT’ANTONIO DI GALLURA. Trecentocinquantamila euro arriveranno a Sant'Antonio di Gallura per rimettere in sesto l'acquedotto rurale di Li Fichi Cani-La Macciona, nei pressi del lago del Liscia. L'acquedotto approvvigiona la zona ma, da qualche tempo, erano sorti problemi. Così, l'intuizione dell'amministrazione comunale, guidata dal sindaco Carlo Duilio Viti, di preparare un progetto e di partecipare al bando.

«Abbiamo il piacere di comunicare che con la determina 4451/2018 è stata approvata la graduatoria Unica Regionale–Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020 Sottomisura 4.3.2 -"Efficientamento delle reti e risparmio idrico" che finanzia l'ammodernamento dell'acquedotto rurale Li Fichi Cani-La Macciona. Un importante risultato per una parte rilevante del nostro agro - spiega il primo cittadino -. "L'acquedotto ci dava sempre problemi per quanto riguarda la manutenzione e quando è uscito il bando regionale Argea per il ripristino dei vecchi acquedotti rurali e il miglioramento dei servizi ad essi collegati, lo abbiamo candidato come meritevole di intervento ed è stato dichiarato ammissibile. Siamo felici del finanziamento. Questo è il segnale che ci teniamo a tutto il nostro territorio, non solo ai centri abitati di Sant'Antonio di Gallura e Priatu ma, anche, dell'agro: ogni angolo del nostro paese e delle sue campagne merita le stesse attenzioni e le stesse accortezze. Sia per i centri abitati che per la
campagna, inoltre, a breve avremo delle altre sorprese positive per quanto riguarda manutenzioni e nuove opere». Entro febbraio sarà, dunque, fatta la progettazione che interesserà numerose aziende agricole dell'area e porterà beneficio a tutti i fruitori dell'acquedotto. (s.d.)

TrovaRistorante

a Olbia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Come trasformare un libro in un bestseller