Il boss della Magliana aveva investito a Olbia: villette sequestrate

Portano anche in Gallura gli ultimi sviluppi delle indagini del comando provinciale della Guardia di finanza

OLBIA. Portano anche in Gallura gli ultimi sviluppi delle indagini del comando provinciale della Guardia di finanza di Roma sulla banda della Magliana, culminate con la maxi confisca di beni per 25 milioni di euro al patrimonio di Ernesto Diotallevi, elemento di spicco della banda e vicino fin dagli Settanta agli ambienti criminali dell'estrema destra.

Alcune delle sue proprietà sono ad Olbia, e oggi 6 dicembre sono scattati i sigilli. Si tratta di alcune villette sparse nella zona tra via Bonn e via Bruxelles e tra via Damiano Chiesa e via Ciro Menotti. Sono state messe sotto sequestro grazie al supporto sul territorio

delle Fiamme gialle del comando provinciale di Sassari.

Quelle sequestrate nella città porta turistica del nord est Sardegna rientrano in un patrimonio immobiliare riconducibile a Diotellavi composto da 43 unità tra Olbia, Gradara, in provincia di Pesaro e Urbino, e Roma.

TrovaRistorante

a Olbia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro