Pronti i mastelli hi-tech che “tracciano” i rifiuti

Nei comuni dell’Alta Gallura i dati verranno acquisiti grazie alle onde radio Rfdi Presto la consegna dei nuovi contenitori: si comincia il 21 gennaio da Bortigiadas 

TEMPIO. Rivoluzione nella raccolta del servizio urbano sul ritiro del secco residuo. Dal primo febbraio, infatti, nei nove comuni dell’Unione entreranno in funzione i nuovi mastelli Rfdi. Una tecnologia di ultima generazione per l’identificazione automatica dell’utente grazie ad una tecnica che consentirà la lettura dei dati del mastello (proprietà, dislocazione e contenuto del mastello) per mezzo di onde radio. A darne notizia è un comunicato dell’Unione dei comuni Alta Gallura che rende noto che da lunedì prossimo inizierà appunto la distribuzione dei mastelli a cominciare da Bortigiadas. «Così come previsto dal nuovo servizio di igiene urbana in forma associata per i Comuni di Aggius, Badesi, Bortigiadas, Calangianus, Luogosanto, Luras, S. Teresa Gallura e Tempio Pausania – si legge nel comunicato a firma Jeanne Francine Murgia, segretario e direttore dell’Unione – si provvederà alla consegna dei nuovi contenitori di colore grigio con Rfid destinati alla raccolta del secco residuo indifferenziato e della contestuale attività di censimento delle utenze domestiche e non domestiche». A consegnare i nuovi mastelli sarà la ditta Protea Srl che, per conto del gestore del servizio di igiene urbana, Ambiente Italia Econord, coordinerà gli operatori che avranno il compito di consegnare a domicilio i nuovi contenitori, dotati di un microchip. «L’attività di censimento e consegna – continua la nota – da seguire con particolare attenzione dal proprietario dell’utenza, inizierà lunedì 14 Gennaio partendo dal Comune di Bortigiadas, proseguendo con il Comune di Aggius (inizio della consegna lunedì 21 Gennaio) e nei restanti comuni con date che verranno comunicate comune per comune mediante informative distribuite porta a porta nella settimana precedente ad ogni nuovo avvio».

«Gli operatori, muniti di tesserino di riconoscimento – spiega ancora il comunicato – si presenteranno al domicilio dell’utente e avranno a loro disposizione un palmare che permetterà di fotografare e geolocalizzare ogni singola utenza presente nel territorio». «Gli stessi, (cui non dovrà essere pagata alcuna somma di denaro ndc) – prosegue la nota – faranno firmare la presa in consegna dei contenitori, da parte dell’utente o del familiare presente, rilasciando una copia della ricevuta. Nel
caso l’utente non fosse presente, verrà lasciata una informativa su tempi e modi di ritiro dei contenitori il cui possesso diventerà obbligatorio». Ulteriori informazioni potranno essere fornite direttamente dal gestore Ambiente Italia Econord e presso l’Unione dei Comuni Alta Gallura.

TrovaRistorante

a Olbia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Stampare un libro risparmiando: ecco come fare