san teodoro 

I sardi alla Prima guerra mondiale un incontro con studiosi e storici

SAN TEODORO. La partecipazione dei sardi alla Prima guerra mondiale è stata significativa nella sua tragicità. Il contributo di sangue versato dai soldati dell’isola è stato di gran lunga superiore...

SAN TEODORO. La partecipazione dei sardi alla Prima guerra mondiale è stata significativa nella sua tragicità. Il contributo di sangue versato dai soldati dell’isola è stato di gran lunga superiore (circa il 14%) rispetto alla percentuale nazionale. Ha inoltre determinato, nei reduci, il senso di appartenenza e di identità, tanto da poter definire questo tragico evento come l’ingresso della Sardegna nella storia nazionale. Ma la guerra non finiva con il novembre 1918: continuò su alcuni fronti ancora per mesi, mentre la Brigata Sassari veniva ancora utilizzata senza che i fanti sardi potessero far rientro alle loro case.

Alla conclusione del conflitto è dedicata la mattinata di incontri con studiosi e storici che si terrà oggi, alle 9.30, nell’aula consiliare del Comune. L’incontro è promosso dall’amministrazione comunale di San Teodoro, che si è avvalsa della collaborazione con l’Istasac (Istituto per la storia dell’antifascismo e dell’età contemporanea della Sardegna centrale). Parteciperanno
alla tavola rotonda Carlo Felice Casula, docente di storia contemporanea nell’Università di RomaTre; Eric Gobetti, ricercatore e storico documentarista; Giorgio Madeddu, ricercatore di storia della Prima guerra mondiale; Marina Moncelsi, ricercatrice e presidente dell’Istasac.

TrovaRistorante

a Olbia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Come trasformare un libro in un bestseller