La Lega rilancia la sua sfida partendo dal problema sicurezza

Alla presentazione dei candidati alle regionali anche il sottosegretario all’Interno Nicola Molteni Il programma è mutuato dalla linea nazionale: in primo piano anche il tema immigrazione

OLBIA. Sicurezza e immigrazione. Sono queste le parole più ricorrenti nella campagna elettorale della Lega gallurese. Lunedì mattina i sei candidati hanno dato appuntamento ai sostenitori per una presentazione alla quale ha partecipato il sottosegretario all’Interno, arrivato lunedì mattina a Olbia per la prima tappa di una due giorni nell’isola. La presentazione è andata in scena al Café Principe Umberto, dove una trentina di aficionados del Carroccio hanno applaudito e fatto selfie coi loro beniamini. I candidati galluresi sono sei: Mauro Morlè, pescatore di Isola Rossa; Annalisa Manca, di Budoni; Daria Inzaina, di Calangianus, lavora in una impresa agricola; Paola Flauto, Oss di professione e coordinatrice del partito olbiese; Dario Giagoni, già candidato alle ultime politiche; e Giovanni Nicolò Puggioni, generale dell’esercito in pensione già candidato alle provinciali del 2010 e alla carica di sindaco nel 2011. La campagna elettorale della Lega gallurese si gioca su temi ereditati dal dibattito nazionale che già da tempo hanno messo il vento in poppa nei sondaggi al partito guidato dal ministro dell’Interno Matteo Salvini. La presentazione è stata aperta dal candidato Giagoni. «Il Governo è passato dalle parole ai fatti – ha detto – e sta facendo tanto per la sicurezza. Porterà avanti una politica affianco degli italiani e dei sardi». Poi la parola al sottosegretario Nicola Molteni: «Torno con piacere a Olbia per questo giro istituzionale nell’isola. Noi guardiano al presente e al futuro, le scelte politiche del passato non hanno fatto bene alla Sardegna». Poi Molteni ha squadernato una serie di temi nazionali all’attenzione del Governo e dei successi del suo partito. «Festeggiamo il risultato delle regionali in Abruzzo con un risultato clamoroso della Lega – ha detto – che nessuno avrebbe mai immaginato. Finora sono stati otto mesi di governo impegnativi ed entusiasmanti, siamo riusciti a mantenere gli impegni presi con i cittadini il 4 marzo. Ci sono temi in cui ci siamo spesi in modo particolare: sicurezza, ordine pubblico, contrasto all’immigrazione irregolare». In tema di sicurezza, il sottosegretario ha assicurato che entro marzo verrà approvata «una legge che ci sta particolarmente a cuore»: la legittima difesa. Sempre sul comparto sicurezza: «Abbiamo messo più soldi nelle tasche di poliziotti e carabinieri. In bilancio ci sono 2,7 miliardi per le forze dell’ordine e nuove assunzioni». Sul punto anche un rapido passaggio sulla situazione del commissariato di Olbia: il sottosegretario ha fatto capire che sull’organico qualcosa potrebbe migliorare. Spazio anche all’immigrazione. «Quest’anno in Sardegna ci sono stati zero sbarchi –
ha detto il leghista – e da quando Salvini è ministro in Italia sono sbarcati soltanto in 9mila». Molteni ha parlato poi di videosorveglianza e di 18 milioni di euro destinati a 260 Comuni della Sardegna per fare il riammodernamento e la manutenzione di immobili pubblici. (s.sant.)

TrovaRistorante

a Olbia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Come trasformare un libro in un bestseller