Ambulanza per i volontari: è il dono di Alberto Tomba

Il campione del mondo di sci ha cofinanziato l’acquisto del mezzo. Non è la prima volta che lo sportivo sostiene l’associazione Arzachena agosto ’89 

ARZACHENA. “Tomba la bomba” ha dato vita a uno speciale slalom gigante di solidarietà. Lontano dai riflettori, Alberto Tomba, mito olimpico dello sci alpino, ha contribuito ad acquistare un’ambulanza per l’associazione di volontariato Protezione civile “Agosto ’89”. Un gesto non nuovo per il sodalizio di Arzachena. «Già in passato Alberto ha sostenuto la nostra associazione cofinanziando l’acquisto di un altro mezzo – racconta il presidente Salvatore Locci – . Ora ha coperto parte del costo di questa ambulanza, che abbiamo ritirato oggi. Il nostro senso di gratitudine rompe il binario del silenzio sul quale di solito viaggia la solidarietà. L’ex campione di sci non ha potuto condividere questo momento di gioia con noi, ma ha assicurato che quanto tornerà ad Arzachena passerà a trovarci».

Tomba da anni risiede nella cittadina smeraldina. Una presenza vip silenziosa ma costante. L’atleta orgoglio nazionale conosce bene il lavoro estenuante e assiduo dei volontari della protezione civile del 118. Sa bene quanto sia importante per le equipe avere a disposizione un parco mezzi adeguato per fronteggiare le emergenze di primo soccorso. La nuova ambulanza si aggiunge a quella ritirata nei giorni scorsi, acquistata con il finanziamento di 49mila euro del Comune di Arzachena e un contributo di 13mila euro della compagnia di navigazione Tirrenia. «Ringraziamo l’amministrazione comunale per la dotazione di un mezzo fondamentale per la gestione dei soccorsi e delle tante emergenze, particolarmente concentrate nel periodo estivo – dice Salvatore Locci –. Un grazie da parte di tutti i volontari e della comunità va anche all’armatore Vincenzo Onorato, che ci ha sempre dimostrato grande attenzione e supporto nell’attività a tutela dei residenti e dei visitatori del nostro territorio».

A oggi, l’associazione svolge attività di protezione civile in caso di alluvioni, incendi e di soccorso in convenzione con il 118. Conta 80 volontari, 5 ambulanze, 5 mezzi antincendio, 3 di proprietà dell’associazione e 2 della Regione Sardegna, e 2 gommoni. La sostituzione dei mezzi proseguirà entro l’anno. Verrà anche acquistata una nuova strumentazione di supporto per un mezzo antincendio. «Tutte queste donazioni contribuiscono a potenziare e a svolgere in sicurezza le attività del nostro sodalizio – sottolinea Locci -. Testimoniamo che si può supportare un'associazione anche con gesti di solidarietà, non solo con prestazioni sul campo».
 

TrovaRistorante

a Olbia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Come trasformare un libro in un bestseller