Biancareddu decaduto: il Consiglio chiude il caso

Dalle 12 di ieri la città non ha più il sindaco, il vice Gianni Addis al timone Pesanti accuse delle minoranze. E ora si parla di un cambio di deleghe in giunta

TEMPIO. Andrea Biancareddu, dalle 12 di ieri mattina, non è più sindaco di Tempio. Eletto alla fine di maggio del 2015, sindaco della città, ieri è stato dichiarato decaduto, dopo la sua elezione a consigliere regionale, nel corso di un lunghissimo ed intenso consiglio comunale che ha visto particolarmente reattive le due minoranze Tempio Libera e Ripensare Tempio, intervenute sui più disparati argomenti con tutti ii cinque consiglieri, Antonio Balata e Monica Liguori per Tempio Libera, Daniela Campra, Sebastiana Carta e Antonio Addis, particolarmente agguerrito, quest’ultimo sin quasi a rasentare la polemica. Segno evidente di un cambio di marcia nell’opposizione consiliare che in vista di una non lontana competizione elettorale per il rinnovo del consiglio comunale intende evidentemente mettere alle corde una maggioranza che ieri ha comunque risposto colpo su colpo alle accuse.

Con il suo capogruppo Giuseppe Pirinu che non si è lasciato trovare impreparato, con l’assessore Francesco Quargnenti, apparso ieri mattina particolarmente combattivo, in qualche caso anche polemico e con il vice sindaco Gianni Addis, ormai alter ego di Andrea Biancareddu, che con una serie di interventi, a volte soporiferi e a volte molto determinati, ha cercato di addomesticare l’inusuale lunga seduta. N

Non sono mancati neanche gli interventi degli outsider. L’ex assessore ai Servizi sociali, Alessandra Amic, (defenestrata a settembre del 2017 da Andrea Biancareddu, che tenne la delega dei Servizi sociali), non ha mancato di criticare pesantemente l’attuale esecutivo, soprattutto sulla politica sociale. Più intimista, invece, se così si può dire, l’intervento di Anna Paola Aisoni, ex vice sindaco ed ex assessore, defenestrata sempre da Andrea Biancareddu il 5 giugno del 2018. La Aisoni, apparsa adombrata per l’intera seduta, ha chiesto di intervenire per augurare alla “nuova” formazione un buon lavoro e per illustrare ancora meglio la sua posizione dopo il defenestramento.

Enigmatica invece è apparsa ai più la sua posizione nei confronti dell’esecutivo dove si mormora potrebbe tornare in un eventuale cambio di deleghe, chiaramente annunciato da Gianni Addis. Diversi e sicuramente di grande interesse, nonostante il dibattito più politico che amministrativo, gli argomenti affrontati sia con le interrogazioni
delle minoranze, come già detto, che con le risposte esaustive di Francesco Quargnenti e di Giannetto Addis che, prima di chiudere la seduta, ha rivolto un lungo ringraziamento all’ex sindaco Andrea Biancareddu per quanto ha dato e per quanto riuscirà a dare ancora alla città.



TrovaRistorante

a Olbia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

IL SITO DI GRUPPO GEDI PER CHI AMA I LIBRI

Scrivere e pubblicare libri: entra nella community