Olbia, 60enne arrestato all'arrivo in porto con 5 chili di coca

Era appena sceso dal traghetto: la droga era nascosta in un doppiofondo dell'auto sulla quale viaggiava anche la figlia minorenne dell'uomo

OLBIA. Un sessantenne calabrese appena sbarcato al porto dell'Isola Bianca dal traghetto proveniente da Civitavecchia è stato arrestato dai militari della squadra cinofili del gruppo di Olbia della Guardia di Finanza perché trovato in possesso di cinque chili di cocaina.

D.L.G. (queste le iniziali del nome dell'arrestato) si trovava a bordo della propria auto, in compagnia della figlia minorenne. Davanti ai controlli della Finanza ha tentato di defilarsi, ma è stato bloccato. Ai militari ha detto di aver raggiunto la Sardegna in cerca di un impiego stagionale. Ma i cani pastori tedeschi Zatto e Ober hanno avvertito qualcosa di sospetto, tanto da convincere gli agenti a approfondire i controlli.

Tramite il supporto di un'officina meccanica, è stato trovato un doppiofondo ricavato nella parte posteriore della vettura, dove era contenuto il carico illegale: 5 pacchi, ben sigillati e posti sottovuoto, contenenti cocaina di altissima qualità.

La sostanza sequestrata, una volta tagliata ed immessa sul mercato, avrebbe potuto fruttare oltre un milione di euro. L'uomo è stato arrestato per traffico di sostanze stupefacenti e messo a disposizione dell’autorità giudiziaria di Tempio Pausania. stato poi trasferito nel carcere di Nuchis.

"L’attività

posta in essere - spiega una nota del comando provinciale di Sassari della guardia di finanza - si inquadra in un più ampio dispositivo, coordinato a livello provinciale, che mira al controllo dei principali punti di accesso del nord Sardegna, per il contrasto dei traffici illeciti".

TrovaRistorante

a Olbia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

IL SITO DI GRUPPO GEDI PER CHI AMA I LIBRI

Scrivere e pubblicare libri: entra nella community