«Rossella Urru è libera», l'annuncio ufficiale della Farnesina. E' festa a Samugheo

Dopo il primo annuncio "un ostaggio italiano e due spagnoli sarebbero stati liberati nel nord del Mali" è arrivata la conferma ufficiale della Farnesina. Rossella Urru è libera. La prima notizia era stata riferita dal portavoce di un gruppo islamico vicino ad al Qaida. La cooperante di Samugheo è ora nelle mani

di alcuni mediatori insieme ai due ostaggi spagnoli. La notizia è stata confermata anche da fonti del governo spagnolo. I genitori di Rossella hanno lasciato Samugheo - VIDEO

SAMUGHEO. E' ufficiale, Rossella Urru è libera. lo ha concermato la Farnesina.  Fonti del governo spagnolo avevano già confermato la liberazione di Rossella e degli altri due ostaggi Ainhoa Fernandez e Enric Gonyalons, nelle mani dei rapitori da nove mesi. Lo avevaa riferito l’agenzia Efe, mantenendo l’anonimato delle fonti. I tre furono sequestrati dai terroristi del Mujao. Secondo quanto riferisce El Mundo, un aereo dell’aviazione spagnola decollerà nelle prossime ore per recuperare i due spagnoli mentre la Urru viaggerà verso l’Italia.

I genitori di Rossella Urru, la cooperante sarda rapita nell’ottobre scorso da un campo profughi nel sud dell’Algeria, hanno lasciato il loro paese, Samugheo, già stamattina. Nel primo pomeriggio si è sparsa la notizia, ancora non confermata ufficialmente, della liberazione della ragazza, ma per il momento anche tra i familiari c’è il massimo riserbo.

Il portavoce di un gruppo islamista legato ad al Qaeda nel Maghreb Islamico ha annunciato di aver liberato nel nord del Mali la cooperante italiana Rossella Urru e i due spagnoli con cui era stata rapita nella notte tra il 23 e il 24 ottobre in Algeria in un campo profughi Saharawi. Le voci si rincorrono da stamane e la Farnesina sta verificando attraverso l’Unità di crisi del ministero la notizia.

Sanda Ould Boumama, portavoce del gruppo Ansar al-Dine del Mali settentrionale, ha spiegato alla Reuters che gli islamisti del MUJWA, un’altra sigla attiva nella zona, hanno liberato i tre ostaggi: «Ci hanno detto che i tre sono stati liberati nella regione di Gao», aggiungendo che la Urru insieme a Ainhoa Fernadez e Eric Conyalons sarebbero in mano di un gruppo di mediatori del Burkina Faso, in attesa di raggiungere la zona in cui sarà consegnata

La cooperante, sequestrata a ottobre in un campo profughi Saharawi nel deserto algerino, sarebbe stata rilasciata a Timbuctù, lasciando intendere che vi sia stato uno scambio di prigionieri: questa mattina Ould Faqir, uno degli uomini implicati nel sequestro di Rossella Urru arrestati lo scorso anno sarebbe stato liberato in Mauritania.

Per il rilascio di Rossella Urru potrebbe essere «la volta buona». È ottimista Margherita Boniver sull’esito del rapimento della cooperante italiana. L’Unità di crisi della Farnesina - con cui l’inviato speciale per il Sahel del ministro degli Esteri, Giulio Terzi, è in costante contatto - «è impegnata nelle verifiche e la cautela è un bene assoluto visto che c’è di mezzo vi sono l’incolumità e la vita di una nostra cittadina. Non c’è ancora la conferma. Speriamo - ha proseguito la Boniver - che questa sia la volta buona. Ce lo auguriamo vivamente, penso che il nodo sarà sciolto nelle prossime ore».

La notizia della possibile liberazione di Rossella arriva a Samugheo, con le telefonate dei giornalisti che chiedono conferma. Lo zio della ragazza, Mario Sulis, portavoce del Comitato per la liberazione di Rossella, non ne sapeva nulla.

«Speriamo che stavolta sia vero», commenta spiegando di aver parlato ieri con i genitori di Rossella e di averli trovati ottimisti su un possibile esito positivo del rapimento in tempi brevi. Non ha notizie dirette neanche il sindaco del paese, Antonello

Demelas, sempre in prima linea nelle iniziative per tenere alta l’attenzione sulla sorte della giovane cooperante e sempre in stretto contatto con i genitori della ragazza. Entrambi lavorano in Comune e che in questo momento sono davanti al telefono in attesa di notizie dalla Farnesina.

TrovaRistorante

a Oristano Tutti i ristoranti »

Il mio libro

IL SITO DI GRUPPO GEDI PER CHI AMA I LIBRI

Scrivere e pubblicare libri: entra nella community