Energia Toscana getta la spugna: niente ricerche geotermiche sul Montiferru

La società rinuncia al contestato progetto, per gli ambientalisti è una «vittoria del buon senso»

ORISTANO. Energia Toscana rinuncia al progetto di ricerca di risorse geotermiche sul Montiferru, contro il quale si erano mobilitati assieme alle associazioni ambientaliste anche i Comuni e le popolazioni interessate.

La rinuncia al progetto, formalizzata due giorni fa dalla società toscana, è stata comunicata ufficialmente dall'Assessorato regionale all'Industria ai sindaci dei Comuni interessati: Cuglieri, Scano di Montiferro, Seneghe, Tresnuraghes, Magomadas, Flussio, Sagama, Tinnura, Sennariolo e Santulussurgiu.

È stata perciò annullata la conferenza di servizio che martedì 25 marzo avrebbe potuto dare il via libera al contestatissimo progetto di ricerca, che riguardava un'area di 122 chilometri quadrati coperti in gran parte da boschi.

La notizia è stata accolta con soddisfazione dalle amministrazioni che temevano l'ennesimo assalto alle risorse del territorio. Esulta il Gruppo di Intervento Giuridico: «Una bella vittoria del buon senso», una bella dimostrazione «di quanto si può ottenere con l'unità di intenti e di azione».

Non si conoscono le motivazioni della rinuncia.

Potrebbero aver pesato le limitazioni già imposte dalla Regione a conclusione del procedimento per la Verifica di assoggettabilità. La Regione aveva imposto infatti che le ricerche si svolgessero solo in superficie senza scavi e trivellazioni e senza taglio o danneggiamento della vegetazione.

TrovaRistorante

a Oristano Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Come trasformare un libro in un bestseller