Parcheggi, l’Udc attacca: «Rivedere regole e tariffe»

Dopo la bocciatura della prima mozione, nuova iniziativa in consiglio comunale Integrazione alla sosta: le dichiarazioni del sottosegretario Lupi rilanciano l’idea

ORISTANO. Il ministro delle Infrastrutture Maurizio Lupi dice che «no, la multa per aver sforato l’ammontare del tagliandino del parcheggio proprio non la si deve pagare. Semmai, bisogna fare l’integrazione al tagliando pagando la differenza e il tempo in più». Dopo l’ulteriore chiarimento sul tema nazionale, i consiglieri comunali di minoranza Peppi Puddu, Giuliano Uras e Roberto Pisano – del gruppo consiliare dell’Udc – non hanno perso tempo e due giorni fa hanno presentato una seconda mozione sull’argomento, ovvero la gestione dei parcheggi. La prima era stata respinta proprio durante l’ultimo consiglio comunale, bocciatura alla quale i tre rispondono chiedendo al sindaco Guido Tendas e alla Giunta non solo di impegnarsi ad adottare al più presto nuove regole sulla gestione dei parcheggi con le strisce blu, ma anche a far rispettare le vecchie. Ci sarebbero infatti delle incongruenze tra quanto deciso in Comune e l'attuale gestione da parte della società aggiudicataria dell'appalto. «La Giunta Tendas con delibera n. 93 del 2 luglio 2013 ha stabilito le nuove condizioni tariffarie dei parcheggi a pagamento che il nuovo gestore del servizio dei parcheggi a pagamento dovrebbe o deve puntualmente applicare» scrivono i tre nella mozione. Puntualizzando come al contrario sia accertato che «le tariffe applicate in città dai parcometri sono in parte difformi da quelle approvate dalla giunta Tendas» aggiungono ancora i consiglieri dell’Udc.

Un punto di centrale importanza e nota dolente sull'argomento parcheggi blu è per l'Udc la mancanza di un «regolamento in materia di parcheggi pubblici a pagamento non custoditi, in struttura e non», di cui chiedono a gran voce l’adozione urgente, preso atto che «a tutt’oggi non risulta che il consiglio comunale lo abbia mai approvato» e «considerato che le tariffe dei parcheggi a pagamento richiamate a suo tempo sono state deliberate dalla giunta Tendas, come lamentato da più parti, appaiono già alquanto eccessive e che, comunque, non risultano successivi atti deliberativi o autorizzativi relativi a aumenti o variazioni delle tariffe stesse».

Sindaco e giunta sono quindi stati invitati «a fornire gli indirizzi alle funzioni competenti e a intraprendere ogni possibile attività consentita al fine che venga costantemente e puntualmente garantita la massima trasparenza nella gestione del servizio dei parcheggi a pagamento, nonché la

tutela dell’utenza e il loro diritto alla corretta erogazione». Chiedono, infine, un ribasso sulla tariffa di 40 euro imposta dalla società di gestione in caso di smarrimento del ticket rilasciato per i parcheggi di via Carducci e Vico Verdi, gli unici due in città, così detti, “in struttura”.

TrovaRistorante

a Oristano Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PUBBLICARE UN LIBRO: DAL WEB ALLE LIBRERIE

Come vendere un libro su Amazon e da Feltrinelli