Ales, autopsia sul corpo dell’agricoltore

Disposizione del magistrato dopo il tragico incidente sul lavoro di mercoledì pomeriggio

ALES. È prevista questa mattina, nell'ospedale di Oristano, l'autopsia di Livio Atzori, l'agricoltore rimasto ucciso ieri sera in un incidente sul lavoro, mentre arava un uliveto nelle campagne di Ales. La perizia è stata disposta dal sostituto procuratore della Repubblica di Oristano, Paolo De Falco, nell'abito dell'inchiesta disposta per accertare le cause del tragico incidente.

Lo stesso magistrato ieri ha disposto sia sequestro dell'uliveto che del trattore utilizzato dalla vittima. Una analoga inchiesta è stata aperta anche dallo Spresal della Asl 5 di Oristano, il servizio di prevenzione e sicurezza negli ambienti di lavoro.

Non ci sono comunque indagati. Livio Atzori, agricoltore e titolare di una azienda artigianale, con alcuni mezzi meccanici, originario di Escovedu, frazione di Usellus, era impegnato da alcuni giorni nell'aratura di un uliveto. Come hanno accertato i carabinieri della Compagnia di Mogoro, diretti dal capitano Piero Orlando, stava ultimando il lavoro, commissionatogli da un compaesano, quando è accaduto il tragico incidente.

Forse a causa dello smottamento del terreno, reso instabile dalle recenti piogge, il trattore è scivolato verso il basso e si è ribaltato. Livio Atzori, dopo essere stato scaraventato a terra, è rimasto prigioniero sotto il mezzo, che lo ha schiacciato. È stato lo stesso proprietario del terreno a chiamare i soccorsi. Ma quando sul posto sono arrivati gli operatori del 118 hanno potuto solo constatare il decesso dell'agricoltore. Sul posto sono quindi intervenuti i carabinieri di Mogoro, gli ispettori dello Spresal e della direzione del lavoro di Oristano.

I vigili del fuoco del distaccamento di Ales hanno garantito la loro assistenza con le fotoelettriche per permettere agli investigatori di eseguire i rilievi di legge. Prima delle 22 gli uomini del 115 hanno liberato il corpo dell'agricoltore che è stato trasferito, su disposizione dell'autorità giudiziaria, nell'obitorio dell'ospedale di Oristano.

Questa mattina il medico legale dovrebbe effettuare l'autopsia. Con questo è salito a quattro il numero delle vittime di incidenti sul lavoro

in provincia nel 2014. Pochi giorni fa in un vertice regionale promosso dall'Anmil, associazione dei mutilati e invalidi del lavoro, era stata confermata la diminuzione degli infortuni mortali. Due i settori maggiormente coinvolti: quelli dell'edilizia e dell'agricoltura.

Elia Sanna

TrovaRistorante

a Oristano Tutti i ristoranti »

Il mio libro

IL SITO DI GRUPPO GEDI PER CHI AMA I LIBRI

Scrivere e pubblicare libri: entra nella community