Bosa

Ecco i vincitori del concorso della onlus Luisa Monti

BOSA. Si è svolta nei giorni scorsi la premiazione del terzo concorso di poesia in lingua logudorese (o campidanese) “L’uomo è nato libero e dappertutto è incatenato”, promosso dall’associazione...

BOSA. Si è svolta nei giorni scorsi la premiazione del terzo concorso di poesia in lingua logudorese (o campidanese) “L’uomo è nato libero e dappertutto è incatenato”, promosso dall’associazione “Luisa Monti Onlus”, presieduta da Antonella Deriu Monti, in collaborazione con il gruppo scout “Bosa 1” e con il patrocinio dell’amministrazione comunale di Bosa. La giuria, presieduta da Vittorio Pinna e composta da Gigi Piu, Elisabetta Sanna, Luciano Naitana, Piero Sabino, Ninni Piras e Augusto Piras, ha deciso per l’assegnazione del primo premio a Antonio Sannia di Bortigali, che ha presentato la poesia “Lacanas de sida”. Mentre il secondo posto è andato a Salvatore Murgia di Macomer con “Testimonzu sintzeru” e il terzo a Angelo Maria Ardu di Flussio, con la poesia “Bola angheleddu.”

Ai vincitori sono andati premi in danaro da devolvere in beneficenza.

Diverse, poi, le menzioni attribuite ad altri concorrenti, tra cui la seconda classe delle scuole medie di Florinas-Ossi. I ragazzi, Gaia Branca, Imane Khrbouch, Lidia Arru, Milena Mulas, Martina

Nuvoli, Carlo Pierazzona, Francesca Zara e Diego Pierazzona (i nomi sono stati resi noti dagli organizzatori del concorso), hanno partecipato singolarmente e in gruppo, presentando diversi lavori che hanno riscosso il succeso sperato e la menzione speciale dalla giuria. (Al.Fa.)

TrovaRistorante

a Oristano Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Come trasformare un libro in un bestseller