«A Cagliari per ribadire il no ad Abbanoa»

San Vero Milis, anche il gruppo “Impari Podeus” alla manifestazione davanti al consiglio regionale

SAN VERO MILIS. Domani sarà il giorno della manifestazione a Cagliari. Da San Vero Milis, quindi, partiranno i cittadini che hanno intenzione di chiedere alla Regione di non aderire a Abbanoa, il gestore unico della acque sarde, e di lasciare la gestione al municipio. Il consiglio comunale è stato convocato in via Roma ma alla manifestazione di Cagliari parteciperà anche il nuovo gruppo politico, quello che sostiene la candidatura di Luigi Tedeschi. E gli attivisti di Impari Podeus hanno una richiesta da fare al sindaco, Flavia Adelia Murru: «Vorremmo che fosse esplicitata la nostra partecipazione alla manifestazione di domani davanti al consiglio regionale della Sardegna, a Cagliari, per poter esprimere la più ferma volontà di non aderire a Abbanoa per la gestione delle reti idriche». D’altra parte, l’invito era partito proprio dal primo cittadino: «E noi abbiamo risposto con assoluta convinzione all'invito del sindaco che ha chiesto alla popolazione di presenziare in molti, così che sia chiaro che il dissenso a quanto richiesto dalla Regione, non è solo politico e del consiglio comunale, bensì voluto e sostenuto dai cittadini sanveresi».

Secondo Impari Podeus, infatti, è convito della necessità di mantenere il servizio idrico staccato da quello del gestore: «L'importanza della gestione autonoma delle reti idriche è, a parer nostro, un punto di forza del nostro paese che come è successo in passato deve essere nuovamente salvaguardato e, se dovesse essercene il bisogno, dovrà esserlo anche in futuro.

Per questo motivo, chiediamo al sindaco e alla giunta di indire un consiglio aperto ai cittadini dove informare dell'attuale situazione, delle azioni, oltre alla manifestazione, che si intendono perseguire e deliberare la contrarietà comunale al passaggio dei nostri impianti ad Abbanoa».

TrovaRistorante

a Oristano Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Come trasformare un libro in un bestseller