Cogeneratore, il Comitato annuncia il ricorso al Tar

A Simaxis non si placa la polemica sull’impianto dopo il via libera della Regione Il gruppo contrario al progetto aspetta che la Procura si pronunci sugli esposti

SIMAXIS. Non sono certo caduti dalla sedia. Anzi. Gli attivisti del Comitato civico per la salute, in lotta contro il progetto del cogeneratore energetico che dovrebbe trasformare i residui delle macellazione in energia elettrica, attendevano l’esito della conferenza di servizi come si attende il risultato di un esame andato male. Le speranza che la Regione comunicasse l’esito negativo era talmente labile che quasi non veniva presa in considerazione. E infatti, è arrivato il via libera e il primo passo verso l’apertura di un impianto la cui pratiche d’autorizzazione hanno subito numerosi stop. «Aspettavamo un esito di questo tipo dalla conferenza di servizi – a detto ieri il presidente del Comitato, Giampiero Deidda –, ma ricordiamo comunque alla popolazione che niente è ancora deciso. Anzi, prima che l’impianto possa entrare in funzione sono necessari una valutazione d’impatto ambientale e il parere del Savi, il servizio dedicato all’ambiente della Regione. Poi ci sono le questioni legate alla concessione edilizia per il cogeneratore, altri passaggi poco chiari su cui invece bisognerebbe approfondire il discorso». Ecco perché il comitato ha presentato alcuni esposti alla magistratura e attende, oramai da qualche tempo, una risposta da parte della Procura della Repubblica. Se le cose dovessero andare nel verso sperato dai dirigenti della Cogen e della Groil, le due ditte che hanno messo in piedi il progetto di cogenerazione, il Comitato giocherà l’ultima carta a disposizione: «Lo abbiamo deciso qualche tempo fa con tutti i membri, presenteremo un ricorso formale al Tar della Sardegna». Nel frattempo, il Comitato muove un altro appunto al primo cittadino, Francesco Cossu: «Abbiamo organizzato assemblee, manifestazioni, raccolte di firme e flash mob ma il sindaco non ha avvisato la popolazione e abbiamo appreso dai giornali la notizia del riconoscimento comunitario del cogeneratore. Non ci sembra che questo sia un comportamento corretto da parte del sindaco, i cittadini devono essere informati», concludono. In piena campagna elettorale, Simaxis rinnoverà il consiglio comunale nelle elezioni di fine maggio, le vicissitudini del cogeneratore potrebbero non essere un argomento troppo popolare da tirare in ballo. Anche perché il gruppo che sfiderà

Francesco Cossu alle urne è decisamente contrario all’apertura dell’impianto. Dunque, le vicende del cogeneratore potrebbero essere la chiave di volta che risolverà le elezioni e sarà proprio il rinnovato consiglio comunale a seguire le ultime fasi del progetto di cogenerazione energetica.

TrovaRistorante

a Oristano Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Come trasformare un libro in un bestseller