PAULILATINO

Sul palco per dire “no” alla violenza sulle donne

PAULILATINO. Un’aggressione contro una giovane donna inerme. La corsa in ospedale per salvarle la vita. Lo sbigottimento e l’orrore di chi, quel giorno, ha assistito al gesto inconsulto di un...

PAULILATINO. Un’aggressione contro una giovane donna inerme. La corsa in ospedale per salvarle la vita. Lo sbigottimento e l’orrore di chi, quel giorno, ha assistito al gesto inconsulto di un adolescente che aveva accoltellato una sua coetanea. Giuseppe Piredda quei drammatici momenti non li ha mai dimenticati. Ma soprattutto non è riuscito a scrollarsi di dosso il senso d’impotenza che in quei brevi e concitati istanti di follia lo hanno inchiodato al pavimento impedendogli qualunque reazione in difesa della ragazza. Quel giorno ha deciso che non sarebbe più stato uno spettatore passivo, ancorché incolpevole, della violenza sulle donne. Il giovane studente si è detto che doveva dare il personale contributo alla lotta contro un fenomeno che ormai ha assunto un carattere sociale; contro la persecuzione, l’annullamento psicologico e fisico delle donne per mano degli uomini, spesso potenziali assassini. Giuseppe Piredda ha tratto un insegnamento da quella triste esperienza. Si è ingegnato per trasformare la vicenda di cui è stato testimone in qualcosa che potesse servire alla causa delle donne vittime di violenza. Ne è nato un progetto, uno spettacolo musicale che avrà la duplice funzione di veicolare un messaggio di condanna contro l’odioso crimine e di attrarre fondi da devolvere al Centro antiviolenza Donna Eleonora di Oristano. Accadde l’anno scorso a maggio, davanti all’ingresso dell’istituto tecnico industriale Othoca di Oristano. Un ragazzo di appena sedici anni accoltellò una ragazza che frequentava la stessa scuola, un gesto irrazionale compiuto da una persona immatura, come stabilirà il tribunale dei minori di Cagliari, che ha prosciolto il giovane imputato la settimana scorsa.

Accadde un anno e mezzo fa e nessuno deve dimenticare. Ma soprattutto non si deve ripetere. Questo il monito lanciato dallo studente di Paulilatino autore, organizzatore e protagonista dello spettacolo “Se rinasco”, che andrà in scena al teatro Grazia Deledda il 13 dicembre. Sul palco saliranno l’autore dell’iniziativa benefica e di sensibilizzazione, numerosi cantanti sardi e uno speciale corpo di ballo. A loro si unirà virtualmente Laura Pausini, che parteciperà con un videomessaggio. «Ho deciso di riunire le più grandi star della musica isolana e tanti altri amici artisti in modo da collaborare insieme per dire basta alla violenza sulle

donne» dice Giuseppe Piredda spiegando com’è nato il progetto. «Alungo mi ha tormentato il pensiero di non aver fatto qualcosa per quella ragazza: ero lì, spaventato come tanti altri, e non mossi un dito. Così ho deciso di iniziare questa battaglia per le donne».

Maria Antonietta Cossu

TrovaRistorante

a Oristano Tutti i ristoranti »

Il mio libro

IL SITO DI GRUPPO GEDI PER CHI AMA I LIBRI

Scrivere e pubblicare libri: entra nella community