Casa di riposo, saltato l’accordo

Ghilarza, la nuova coop ha deciso di lasciare. Ex dipendenti dal giudice del lavoro

GHILARZA. Salta l’accordo tra il Comune e la Social servizi di Civitanova Marche, che domani avrebbe dovuto assumere la conduzione della casa di riposo. La cooperativa si è tirata indietro contestando alcune condizioni del capitolato d'appalto perché sosteneva non facessero parte dell'accordo stipulato. Alle prime avvisaglie di un possibile dietro front è scattata la mobilitazione di lavoratori e sindacato, che però non sono riusciti a scongiurare l'ennesima defezione. La gara indetta dall'ente con la procedura d'urgenza è stata snobbata: non si è presentata neppure la cooperativa su cui gli ex dipendenti avevano riposto le speranze di riavere il posto di lavoro. Tra i 24 disoccupati monta la rabbia per le continue battute d'arresto e tutti hanno maturato la decisione di rivolgersi al al giudice del Lavoro per chiedere il reintegro. «Ieri ci siamo presentati in Comune per conoscere l'esito della gara ma dagli uffici si sono limitati a dire solo che è andata deserta, senza alcuna spiegazione» ha riferito la segretaria della Cgil Funzione Pubblica di Oristano. Maria Rosa Setzu ha inviato una richiesta d'integrazione d'accesso agli atti e oggi chiederà un incontro urgente al sindaco per chiedere quali siano le reali intenzioni

per la gestione della comunità alloggio. «In questa procedura sono stati inseriti vincoli che la cooperativa marchigiana aveva chiaramente detto di non accettare. Non possono riproporre la stessa minestra, a questo bando non ha partecipato nessuno», ha esclamato.

Maria Antonietta Cossu

TrovaRistorante

a Oristano Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Come trasformare un libro in un bestseller