Transenne in chiesa e lavori mai partiti Ma la festa si farà

La lesione alla lanterna della cupola non è stata riparata Basilica comunque agibile, esclusa una piccola parte

ORISTANO. La corsa contro il tempo per riuscire a riparare la lanterna della basilica del Rimedio si è dovuta arrendere alla burocrazia. La festa che a settembre apre in Sardegna la lunga sequenza delle sagre religiose autunnali si farà, ma contrariamente a quanto aveva sperato il rettore, monsignor Vincenzo Curreli, con l’area antistante l’altare, ancora transennata.

«Avevamo fatto di tutto, ci avevamo sperato ma purtroppo, non è stato possibile. Ci consola però che la chiesa sia comunque agibile, soltanto una parte infatti non è transitabile e dunque, inizieremo regolarmente oggi con il Novenario di preparazione», dice il rettore che racconta di quanti sforzi siano stati fatti nella speranza di poter avere tutto il santuario agibile per la festa.

A maggio al santuario erano arrivati i vigili del fuoco per verificare una lesione alla lanterna della cupola. Così l’area era stata transennata. Nel frattempo la chiesa aveva trovato i fondi necessari per gli interventi di consolidamento: circa 15mila euro. «Anche il progetto è pronto – dice monsignor Curreli – vorrà dire che i lavori inizieranno dopo la festa».

È stato comunque un successo riuscire a mantenere l’agibilità della chiesa, seppure con una piccola parte inaccessibile e delimitata da transenne, proprio in corrispondenza del cedimento alla lanterna, per evitare rischi ai tanti fedeli che affolleranno la basilica nei giorni delle novene e soprattutto in quelli della festa.

Le celebrazioni in onore della Beata Vergine del Rimedio, richiamano da sempre a Oristano migliaia di fedeli da tutta la Sardegna. Non a caso nei giorni scorsi è stato ripulito da erbacce e rifiuti il ponte sul Tirso, percorso ogni giorno durante la novena da centinaia di fedeli che raggiungono il santuario a piedi.

Il culto per la Madonna del Rimedio è sentito in varie parti dell’isola. La festa si svolge l'8 settembre a Oristano, Siapiccia, Giba, Orosei, Tinnura.

Tra Oristano e la frazione di Donigala sorge uno dei santuari più noti fra quelli dedicati alla Madonna del Rimedio. Le celebrazione religiose iniziano con la novena e vivono il momento culminante l'8 settembre, quando le messe si succedono ininterrottamente per tutta la giornata in modo da far fronte
alle richieste delle migliaia di fedeli che arrivano da tutta l’isola. Alla parte religiosa della festa si accompagna una parte “laica”: niente musiche o palchi o esibizioni, ma tanti posti dedicati al cibo, dove assaggiare i muggini e le anguille arrosto.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

TrovaRistorante

a Oristano Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro