Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Inaugurato un parco giochi

Flussio, l’iniziativa è un simbolo per contrastare la piaga dello spopolamento

FLUSSIO. Nel paese della Planargia si guarda al futuro, malgrado non manchino di certo i tanti problemi legati, come per altri centri della zona, all’avanzare dell’età media e allo spopolamento. L’amministrazione civica guidata dal sindaco Nino Todaro ha inaugurato nei giorni scorsi il nuovo Parco Giochi dedicato ai più piccoli, attiguo al centro sociale. Durante la cerimonia i piccoli si sono anche sbizzarriti a lasciare le impronte delle loro mani sui pilastri della struttura di aggregazione. Un gesto ludico che ha gioiosamente coinvolto tutti, significativo dell’attenzione rivolta anche alle nuove generazioni. Che anche nei piccoli centri devono trovare punti di riferimento qualificati e sicuri per il gioco magari lasciando anche il proprio tangibile segno di presenza da destinare ai posteri. Nell’area vicina al centro sociale il Comune ha acquistato tutto il necessario per garantire momenti di svago ai più piccoli, e di tranquillità alle famiglie, acquistando materiale per 12mila euro la somma stanziata dall’amministrazione Todaro. «Un altro tassello del nostro programma che si realizza rivolto a dare risposte alle esigenze della popolazione per migliorare la qualità della vita, in questo caso guardando a quelle delle fasce più giovani», spiega il sindaco. «Il prossimo intervento sarà la realizzazione di un campo di bocce per gli anziani, che qualche settimana fa hanno avuto la gradita sorpresa di un impianto video in alta definizione nel centro sociale, che permette di vivere tanti momenti di aggregazione», conclude Todaro. La struttura per i più piccoli a Flussio si aggiunge in Planargia a quelle già presenti da tempo ad esempio a Tinnura e Modolo; nella primavera scorsa anche Tresnuraghes ha dato vita, nello spazio all’aperto di fronte al centro diurno della zona di Pianu Idili, ad un’area attrezzata per i piccoli. Mentre a Bosa nell’area verde di via Pischedda, inaugurata a primavera, qualche giorno fa sono stati posizionati i giochi per i bambini acquistati dall’amministrazione civica. Piccoli passi, che sembrano segnare però finalmente momenti di attenzione nei confronti delle famiglie e delle giovani generazioni.

Al. Fa.