Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Le ispezioni dei tecnici anche nei terreni privati

ORISTANO. Stendere una condotta dentro la quale dovrà passare il gas lungo tutta la Sardegna da Cagliari a Porto Torres è un’impresa complicata e costosa, che impone un dispiegamento imponente di...

ORISTANO. Stendere una condotta dentro la quale dovrà passare il gas lungo tutta la Sardegna da Cagliari a Porto Torres è un’impresa complicata e costosa, che impone un dispiegamento imponente di risorse e di uomini. È necessario compiere una serie di verifiche sui terreni dove si pensa di far passare i tubi.

E così la Snam ha già chiesto e ottenuto le autorizzazioni per mettere in moto la propria macchina, inizialmente sulla parte sud dell’isola.

Il prefetto Giuseppe Guetta ha emesso da qualche settimana il provvedimento che autorizza 215 persone incaricate dalla società di eseguire i rilievi lungo il tracciato del percorso ideale, anche entrando in terreni privati.

La Snam, società «leader in Europa nella realizzazione e gestione integrata delle infrastrutture del gas naturale», occupa 3.000 persone nel trasporto (Snam Rete Gas), nello stoccaggio (Stogit) e nella rigassificazione (Gnl Italia). Per progettare la dorsale sarda del gas, che dovrebbe percorrere l’isola da Cagliari sino a Sassari ha presentato alla Prefettura una richiesta di autorizzazione «all’accesso di tecnici incaricati nei fondi di proprietà privata interessati dal tracciato terrestre del metanodotto da costruire che attraverserà anche il territorio provinciale di Oristano».

In provincia i Comuni interessati sono quelli di Abbasanta, Marrubiu, Mogoro, Norbello, Ollastra, Palmas Arborea, Paulilatino, Santa Giusta, Siamanna, Simaxis, Terralba, Uras, Villanova Truschedu, Villaurbana, Zerfaliu e, ovviamente, Oristano.

I tecnici della Snam potranno accedere ai terreni privati e «utilizzare mezzi e macchinari di lavoro, per effettuare le attività di progettazione, indagine geologica e picchettamento necessari alla redazione del metanodotto e delle opere connesse».

Allo svolgimento delle operazioni potranno assistere i proprietari e i possessori dei fondi o persone di loro fiducia.