Ricci di mare, disposti maggiori controlli

ORISTANO. Più controlli contro la pesca abusiva dei ricci: le forze dell’ordine (in primo luogo la Capitaneria di porto) sono chiamate a un’attenzione particolare verso questo tipo di attività che...

ORISTANO. Più controlli contro la pesca abusiva dei ricci: le forze dell’ordine (in primo luogo la Capitaneria di porto) sono chiamate a un’attenzione particolare verso questo tipo di attività che rischia di mettere in pericolo l’ecosistema e di danneggiare attività economiche. La linea è stata decisa ieri mattina nel corso di una riunione in Prefettura del Comitato provinciale per l’Ordine e la sicurezza pubblica, presieduto dal Prefetto, Giuseppe Guetta.

Alla riunione hanno partecipato i rappresentanti provinciali delle forze dell’ordine (questore, comandante provinciale dei Carabinieri, comandante provinciale della Guardia di finanza) il comandante della Capitaneria di porto, l’assessore all’Ambiente del Comune di Oristano ed i sindaci di Terralba, Cabras e San Vero Milis.

«Tra i vari argomenti trattati - si legge in una nota della PRefettura - anche quello della pesca del riccio nell mare di fronte al litorale della Provincia di Oristano».

Il 22 la Prefettura aveva convocato una riunione con la Capitaneria di Porto e l’associazione di categoria Gies (Gruppo d'interesse per l'echinocoltura in Sardegna) durante la quale erano state discusse le criticità del settore.

Ieri «sono stati programmati fitti controlli per la stagione in corso, da parte della Capitaneria
di porto e delle forze di polizia e delle polizie locali, per evitare attività abusive sotto tutti gli aspetti».

Verifiche saranno effettuate, in particolare, sul possesso delle autorizzazioni da parte dei pescatori ed il rispetto della normativa in materia di igiene.

TrovaRistorante

a Oristano Tutti i ristoranti »

Il mio libro

IL SITO DI GRUPPO GEDI PER CHI AMA I LIBRI

Scrivere e pubblicare libri: entra nella community