Festa per i 70 anni di Nughedu S. Vittoria

Oggi le celebrazioni per l’autonomia del Comune. Il sindaco Mura contesta la riforma degli enti locali

NUGHEDU SANTA VITTORIA. Settant’anni fa nasceva il Comune di Nughedu Santa Vittoria. Durante il Ventennio il paese fece parte di un unico ente amministrativo che annoverava anche Bidonì e Sorradile. Con l’avvento della Repubblica fu sancita l’autonomia dei tre paesi, avvenimento che l’amministrazione nughedese celebrerà oggi con una cerimonia ufficiale.

Quel passaggio storico della vita amministrativa del piccolo borgo sarà ricordato nella seduta straordinaria del consiglio comunale in programma alle 18 nella sala delle adunanze.

Per l’occasione saranno presenti gli amministratori in carica e quelli del recente passato, i sindaci che si sono succeduti nelle ultime legislature e i familiari dei primi cittadini scomparsi, ai quali sarà consegnata una targa celebrativa dell’evento. All’incontro, inoltre, presenzieranno l’assessore regionale agli enti locali Cristiano Erriu e il consigliere regionale di Fratelli d’Italia Paolo Truzzu.

L’anniversario della conquistata autonomia sarà l’occasione per aprire una riflessione sul ruolo e il futuro degli enti locali delineato con la riforma del 2016. Una legge che va riscritta, almeno in parte, secondo il punto di vista del sindaco Francesco Mura, che della riforma operata dalla Regione contesta più di un aspetto: «Presenta delle discrepanze che vanno a ledere il diritto di rappresentanza degli organismi collegiali democraticamente eletti nei Comuni, specie di quelli piccoli - spiega
l’amministratore andando al nocciolo della questione -. Si va sempre più verso una marcata assegnazione di risorse e competenze alle Unioni dei Comuni delegittimando sindaci e giunte, perciò ritengo che sotto questo aspetto la legge vada rivista».

Maria Antonietta Cossu

TrovaRistorante

a Oristano Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro