milis 

Attualità e futuro dell’Autonomia

Dibattito con l’assessore Spanu al festival “Ananti de sa Ziminera”

MILIS. L’assessore degli Affari Generali Filippo Spanu ha preso parte, a Milis, nel Palazzo Boyl, insieme al presidente del Partito dei Sardi Franciscu Sedda, all’incontro inserito nella nona edizione del Festival “Ananti de sa Ziminera”, organizzata dalla Consulta Giovani di Bauladu e dedicata al settantennale dello Statuto sardo.

«Le celebrazioni dei 70 anni della nostra Carta autonomistica – ha detto Spanu – devono essere uno stimolo per conquistare e nuovi spazi e delineare un quadro di rapporti con lo Stato differente rispetto all’attuale situazione. È necessario riscrivere lo Statuto partendo dal basso, coinvolgendo tutte le parti della società sarda. Il nuovo Statuto deve essere il frutto della partecipazione di tutti, nessuno può essere escluso. Tutto questo per definire una Carta che risponda effettivamente ai bisogni della Sardegna e sia una solida base per il futuro rapporto con il Governo centrale».

Spanu ha anche individuato gli ambiti in cui la Sardegna può avere competenze primarie: «nei campi della scuola e della finanza locale possiamo legittimamente rivendicare spazi di azione autonomi», ha spiegato l’esponente della Giunta Pigliaru. «Il dibattito sull’autonomia non è un ragionamento astratto – ha poi aggiunto – perché un’ autonomia più forte e in linea con i tempi nuovi provoca positive ripercussioni sullo sviluppo economico e sociale».

Dai giovani presenti sono giunte molte domande sul processo di riforma dello
Statuto e sulle figure che hanno dato slancio alla battaglie per l’autonomia e il federalismo. Si è discusso in particolare della figura di Emilio Lussu a cui l’esecutivo guidato da Francesco Pigliaru ha deciso intitolato la sala più importante della sede istituzionale di Villa Devoto.

TrovaRistorante

a Oristano Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro