Scontro istituzionale sul termodinamico

Il sindaco di Oristano contro la Regione che non ha rinviato la Conferenza prevista per oggi sull’impianto della Solar Power

ORISTANO. Nessun rinvio. Alle 10 di stamattina la Conferenza dei servizi convocata dalla Regione per l’Autorizzazione unica per il progetto del termodinamico a San Qurico-Tiria presentato dalla San Quirico Solar Power srl di Bolzanosi svolgerà regolarmente. Respinte le richieste di spostare l’incontro avanzate dalle amministrazioni comunali di Oristano, Palmas Arborea, del Comitato per la salute e la qualità della vita di Tiria che rappresenta circa 800 residenti e delle associazioni ambientaliste. Di più: c’è uno scontro istituzionale, visti i toni del sindaco di Oristano Andrea Lutzu: «La decisione della Regione di non accogliere la richiesta di rinvio è ancora una volta uno schiaffo alle istituzioni di questo territorio». Delusione e irritazione nelle parole del primo cittadino di Oristano: «In un paese dove si concedono proroghe per qualsiasi cosa e dove tutto si rinvia senza problemi, non si tiene conto delle legittime e argomentate richieste delle istituzioni locali». Lutzu fa inoltre riferimento alla trasmissione di documenti integrativi alla pratica da parte della Solar Power, appena venerdì sera: «Ci sono elementi nuovi che suggeriscono nuove valutazioni da parte degli enti coinvolti». E c’è anche, e a questo punto suona come almeno contraddittoria, la convocazione per domani da parte della commissione Governo del territorio del Consiglio regionale dell’audizione alla quale sono invitati l’assessore regionale all’Industria, alla quale è in capo il rilascio dell’Autorizzazione unica, i sindaci di Oristano e Palmas, il Comitato per la salute di San Quirico, e la Solar Power, titolare del progetto. «Una convocazione che imporrebbe un momento di riflessione – dice Lutzu –. Ancora una volta sembra che le posizioni di comunali e le istanze dei residenti non valgano molto per chi sta a Cagliari e ha il potere di determinare le scelte». Anche Paolo Zedda, consigliere regionale Mdp, chiede alla giunta di fermarsi proprio alla luce della convocazione dell’audizione e del parere negativo espresso dalle comunità. Zedda, nella scorsa legislatura eletto tra i Rossomori, aveva presentato una mozione con la quale si chiedeva al presidente della Giunta regionale Francesco Pigliaru di bloccare il progetto, tenendo conto anche del fatto che lo stesso Consiglio regionale, nel 2016, ha bloccato un impianto con caratteristiche analoghe previsto a Gonnosfanadiga e Guspini. Zedda chiede anche che quella mozione venga portata in aula e discussa, per investire il Consiglio regionale della questione. Ma,
a scanso di – improbabili – decisioni dell’ultima ora, è altamente inverosimile che la Conferenza possa essere rinviata. E dal tenore delle dichiarazioni degli oppositori sembra già chiaro che la eventuale approvazione dell’Autorizzazione unica darà il via a una lunga serie di ricorsi.

TrovaRistorante

a Oristano Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro