Promesse d’amore anziano raggirato

Ottantenne di Assolo cade nella trappola di una badante, poi la denuncia ai carabinieri: arrestata per estorsione

ASSOLO. Pensava fosse amore, invece erano estorsione, truffa e furto. È stato un triplice reato a portare in carcere Enza Franco, 58 anni di Noto in provincia di Siracusa, da dove la badante dai modi affabili e convincenti partiva per le sue puntate nell’isola a caccia di qualcuno da spolpare. Da gennaio a marzo è riuscita a tenere sotto scacco un pensionato ottantenne di Assolo, rimasto vedovo due anni fa e innamoratosi di lei che gli aveva promesso sentimenti, amorevoli cure e un risveglio dei sensi. Finché morte non li separi? No, finché i carabinieri non li hanno separati con il blitz messo a segno martedì scorso quando sono scattate le manette per la signora. È stata l’obiettivo dell’operazione “Tata” compiuta dai militari della stazione di Senis e dal nucleo operativo radiomobile della Compagnia di Mogoro coordinati dal capitano Nadia Gioviale che assieme al procuratore Ezio Domenico Basso e al comandante provinciale dell’Arma, il colonnello David Egidi, ha raccontato dei passi di avvicinamento compiuti, del successo e delle indagini ancora in corso per valutare se altri anziani siano caduti nella rete che la badante era bravissima a gettare per fare bottino.

In effetti, in pochissimo tempo cioè dal 15 gennaio sino al 28 marzo, Enza Franco è stata assai abile nell’ottenere senza difficoltà un gruzzolo da 5.500 euro in contanti, gioielli per oltre 2.000 euro, cene, pranzi, trasporti in taxi e pernottamenti in albergo promettendo una vita ancora piena di passione. I due si erano conosciuti durante un viaggio in nave e, da quel momento, sembrava che tutto scorresse verso il più classico dei lieto fine. L’anziano, ormai solo e probabilmente rassegnato a non rifarsi una vita in compagnia e a limitarsi a ricevere le attenzioni e le cure dei figli, vede un futuro diverso. Accoglie la nuova fiamma quasi come una regina. Questa però ben presto si dimostra ciò che è: riesce a ottenere soldi e ruba gioielli. Quando l’anziano si accorge del furto dei preziosi appartenuti all’ex moglie, li chiede indietro ed è a questo punto che la donna cade in trappola. Si presenta a casa dell’anziano e, per restituire i preziosi, vuole mille euro. Ne ottiene 400, ma nel momento della consegna, allertati dalla vittima
che, dopo un periodo di imbarazzo aveva deciso di denunciare, dentro casa ci sono anche i carabinieri. Manette inevitabili e tre reati contestati ora sotto il vaglio del giudice che deciderà sulla misura cautelare nei confronti della badante che prometteva amore e raccoglieva denari.

TrovaRistorante

a Oristano Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro