Narbolia cerca serenità Il nemico è l’astensione

L’ex capogruppo di minoranza Gian Giuseppe Vargiu unico candidato a sindaco Tra gli obiettivi recuperare un rapporto non conflittuale coi dipendenti comunali

NARBOLIA. A poco più di dieci giorni dal rinnovo del consiglio comunale, il paese appare lacerato e diviso, ma soprattutto disincantato e anche quei pochi che accettano di dire la propria, non vogliono comparire. La giunta uscente, sta dividendo il paese a metà, come normalmente accade quando nei piccoli centri si rinnovano le assemblee locali, e ai tanti che la criticano ce ne sono altrettanti che la giustifica e che la rivoterebbero. Ma questa volta a contrapporsi all’unica lista non ci sono compagini concorrenti, bensì il quorum.

Gian Giuseppe Vargiu, capo dell’unica lista presente alle elezioni, dovrà fare i conti con un oppositore molto accreditato nella sua corsa verso la poltrona di primo cittadino: l’astensione. Raggiungere il 50 per cento più uno dei votanti, non sembra un’operazione semplice in un paese che, negli ultimi anni, ha imparato a fare i conti con la diffidenza e con il rancore.

Questo a dimostrazione che la lotta consumatasi tra l’amministrazione guidata da Maria Giovanna Pisanu, dimissionaria a pochi mesi dalla conclusione del suo mandato, e i dipendenti del Comune ha lasciato scoperto più di un nervo e qualche problema da risolvere. L’arrivo del commissario straordinario Salvatore Bellisai qualche problema particolarmente spinoso lo ha risolto. Ma adesso toccherà a Vargiu, ammesso che Vargiu riesca a superare il quorum, risolvere quelli, e non sono pochi, rimasti sul tappeto.

Giangiuseppe Vargiu, che nell’amministrazione guidata dal sindaco Pisanu era capogruppo di minoranza, si presenta agli elettori con un programma articolato, nel cui prologo sottolinea l’emergenza amministrativa in cui si trova il paese.

Il candidato sindaco è pronto a far di tutto pur di ripristinare il buon governo del paese. Bisognerà vedere se gli elettori gli accorderanno la fiducia che chiede. Tra gli obiettivi del suo programma, la cultura con l’organizzazione, per il tramite della biblioteca Comunale, di eventi di rilevanza; per il sociale: attività volte a riattivare le attività del centro anziani; l’urbanistica: conclusione del piano urbanistico comunale (sia il puc che il pul) al fine di dotare il paese dei necessari strumenti urbanistici; lavori pubblici, con la messa in sicurezza le aree pubbliche al fine di renderle fruibili senza rischi per gli utenti; per l’agricoltura l’obiettivo è il ripristino della viabilità rurale; sullo sport il candidato a sindaco
si propone di adeguare gli standard di sicurezza degli impianti sportivi, mentre per il turismo l’obiettivo dichiarato è l’attivazione di un confronto con tutti gli operatori del settore per individuare strategie di sviluppo e promozione del territorio.

Piero Marongiu

TrovaRistorante

a Oristano Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro