Casa come nave, paratia contro l’acqua

Bosa, in un’abitazione estremi rimedi per scongiurare il pericolo allagamenti

BOSA. A casa come in nave. Per difendersi dagli allagamenti in un’abitazione all’angolo tra via Azuni e via Ciusa, allagata in pochi minuti per l’esondazione del canale di via Lamarmora il 5 maggio scorso, la famiglia Fadda-Contini è ricorsa a drastiche e costose misure di prevenzione: la posa di una paratia nell’ingresso di casa. «Viviamo continuamente nell’ansia, in attesa dei lavori nel canale che speriamo possano risolvere una situazione che dura da tanti anni» racconta la padrona di casa, Maria Antonietta Fadda. Primo allagamento nel 1986, poi quelli del 2004 e 2005, senza contare un altro episodio due anni fa dovuto ad un problema della rete fognaria. Quindi il nubifragio ed i danni del maggio 2018, che hanno spinto ad utilizzare il budget familiare per cercare un po’ più in tranquillità. La nuova paratia avrà il compito di evitare che l’abitazione si allaghi nuovamente, con tutti i danni per mobilio e quanto si può danneggiare a contatto con l’acqua. «I lavori di sistemazione del
canale tardano. Ogni volta che il meteo minaccia pioggia le nostre giornate sono di grande preoccupazione» dice Maria Antonietta Fadda. Molti commercianti hanno da tempo adottato questa soluzione, anche se durante l’ultimo allagamento del centro cittadino questa soluzione non è bastata.

TrovaRistorante

a Oristano Tutti i ristoranti »

Il mio libro

IL SITO DI GRUPPO GEDI PER CHI AMA I LIBRI

Scrivere e pubblicare libri: entra nella community