Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

In spiaggia con l’auto, si insabbia e viene multato

Santa Giusta, carro attrezzi in azione ad Abarossa. La macchina nell’arenile dalla notte prima

SANTA GIUSTA. All’elenco dei cosidetti “cafoni da spiaggia si aggiunge il proprietario dell’auto che ieri è stata portata via dalla spiaggia di Abarossa con il carro attrezzi. Alle prime luci del mattino e coi primi bagnanti che arrivavano per passare qualche ora al sole del litorale di Santa Giusta, in molti hanno avuto l’incontro ravvicinato del terzo tipo. Un essere estraneo e un po’ ingombrante occupava un tratto di spiaggia. Si è provato a cercare il proprietario dell’auto finita lì la notte prima, ma non era tra i bagnanti.

Nel frattempo sono stati avvisati i barracelli che si sono recati nella spiaggia di Abarossa e, preso il numero di targa dell’auto, hanno provato a rintracciare l’automobilista. C’è voluto del tempo per trovarlo – è un cittadino di origine cinese che risiede a Oristano –, ma intanto le operazioni per portare via l’auto erano già iniziate. Mentre i bagnanti si trastullavano al sole, il carro attrezzi svolgeva il suo compito. Solo più tardi il proprietario è arrivato in spiaggia, non riuscendo più a evitare la rimozione forzata dell’auto. Lo attende una sanzione che questa mattina verrà comminata dagli agenti della polizia locale per aver portato la macchina in una zona in cui non si può transitare – tutti i sistemi dunali sono considerati zone di pregio ambientale –.

Eppure a tutto ciò l’automobilista ha dato una spiegazione. A chi gli chiedeva conto di quanto fosse accaduto ha risposto di esser finito per sbaglio sulle dune la notte prima. Ha detto che stava facendo una passeggiata in auto e che gli sembrava che la strada proseguisse. Quando si è accorto di essere finito in spiaggia, era troppo tardi. (e.carta)