Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Oggi la festa a Sa Costa, processione nel centro storico

BOSA. Ultimi ritocchi nelle vie e nei crocicchi del quartiere medievale di Sa Costa, dove nel pomeriggio si snoderà, con soste di preghiera ad ogni Altaritto allestito dagli abitanti lungo il...

BOSA. Ultimi ritocchi nelle vie e nei crocicchi del quartiere medievale di Sa Costa, dove nel pomeriggio si snoderà, con soste di preghiera ad ogni Altaritto allestito dagli abitanti lungo il percorso, la processione che dal castello raggiungerà la Cattedrale, nelle celebrazioni in onore di Nostra Signora di Regnos Altos. Nella cappella dedicata alla Vergine col Bambino, al cui effige lignea venne ritrovata tra le macerie del castello che domina Bosa nella seconda metà del 1800, alle 17.30 è prevista la celebrazione della Messa e la conclusione della Novena. Quindi la processione attraverserà le vie principali del quartiere di Sa Costa e del centro storico, scandita dalla benedizione di ciascun altare votivo realizzato dagli abitanti. Una usanza che non si è persa col tempo, e che ancora oggi mobilita intere famiglie, che tornano tra le casupole all’ombra del maniero rivitalizzando così il quartiere almeno per qualche giorno. I piccoli altari votivi dedicati alla Madonna sono realizzati con grande cura e attenzione, addobbati di fiori e drappi, un tempo si usava prevalentemente il Filet di Bosa la tradizione anche oggi in voga. La processione sarà accompagnata dalla banda musicale Eleonora d’Arborea, che segnerà con la musica il ritmo del corteo religioso nel lungo percorso verso la Cattedrale. In serata poi il quartiere si anima di musica e allegria, perché gli abitanti allestiscono nelle stradine grandi tavolate, dove vengono ospitati gli amici in arrivo da tutta l’isola. Un momento di socialità molto importante, che riporta agli anni in cui nel quartiere sul versante sud del colle di Serravalle vivevano migliaia di bosani. Che dagli anni settanta, gioco forza, hanno lasciato le casupole su più piani per trovare spazio nei più moderni appartamenti costruiti a fondo valle, considerate le difficili condizioni di vita a Sa Costa. Dalle 21.30 in piazza Monumento, spazio anche alla musica ed al cabaret, in una serata che si svolge grazie all’impegno dell’associazione Regnos Altos, presieduta da Franco Pittalis, che si occupa dell’organizzazione dell’evento. Domenica 9 settembre i riti conclusivi della festa.(al.fa.)