Progetto Ivi a torregrande 

Il Grig insiste: «Non rispettata la fascia costiera di 300 metri»

ORISTANO. Continua il botta e risposta sull’investimento turistico immobiliare della Ivi a Torregrande. Gli ambientalisti replicano alla replica dell’impresa in una battaglia che, oltre che a suon di...

ORISTANO. Continua il botta e risposta sull’investimento turistico immobiliare della Ivi a Torregrande. Gli ambientalisti replicano alla replica dell’impresa in una battaglia che, oltre che a suon di carte bollate, si svolge anche attraverso le vie della comunicazione. Il Gruppo di Intervento Giuridico richiamandosi al piano paesaggistico regionale, in particolare l’articolo 20 comma 1 lettera B, spiega che dovrebbe far decadere il progetto. «Nella fascia costiera non è ammessa comunque la realizzazione di strutture ricettive connesse a campi da golf». Inoltre, «sono dichiarati sottoposti a vincolo di integrale conservazione dei singoli caratteri naturalistici, storico-morfologici e dei rispettivi insiemi i terreni costieri compresi in una fascia della profondità di 300 metri dalla battigia».

Sono aspetti già stati evidenziati dal Servizio regionale Tutela paesaggistica già a luglio del 2014. Il progetto secondo il Gruppo di Intervento Giuridico ricade inequivocabilmente nella fascia costiera così disciplinata dal piano paesaggistico regionale, mentre il relativo campo da golf dovrebbe esser realizzato interessando la fascia dei 300 metri dalla battigia, area che «non solo è inedificabile, ma anche non trasformabile».

Per gli ambientalisti il progetto è tutt’altro che in regola, e non si tratta di «questioni superate dal tempo e dagli atti»,
come affermato dalla responsabile del progetto, Paolo Spada e dal coordinatore di Fratelli d’Italia, Francesco Mura, che ha difeso pubblicamente il progetto. Secondo il Grig il procedimento di Valutazione di impatto ambientale dovrà tenere conto della normativa di salvaguardia costiera.

TrovaRistorante

a Oristano Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Stampare un libro risparmiando: ecco come fare