Droga, armi e proiettili due arresti e tre denunce

Blitz dei carabinieri di Mogoro, bloccati 50enne e 47enne di Villa Sant’Antonio Sequestrati un fucile e munizioni. Ieri mattina due condanne per direttissima

MOGORO. Due persone sono state arrestate e tre denunciate nell'ambito di un'operazione di contrasto allo spaccio degli stupefacenti, condotta dai carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile di Mogoro, con la collaborazione dei militari delle stazioni di Ales, Asuni, Gonnosnò, Samugheo, Usellus, e del nucleo Cinofili dello squadrone Cacciatori di Abbasanta.

I carabinieri hanno recuperato oltre due chili di droga e sequestrato un fucile e munizioni, sia perché illegalmente detenute che in via cautelativa. Gli arrestati sono Federico Marras, 50 anni, di Villa Sant'Antonio, coniugato, disoccupato, trovato in possesso di 882 grammi di marijuana contenuta all’interno di alcuni contenitori di metallo con materiale vario per il taglio ed il confezionamento. La droga era nascosta dentro casa.

In manette anche Nereo Caboni, 47 anni, anche lui di Villa Sant'Antonio, disoccupato, che in casa aveva 1 chilo e 421 grammi di marijuana, con 3 piante di canapa indiana essiccata e 2 bilancini di precisione. Entrambi sono stati processati oggi per direttissima in tribunale a Oristano e sono stati condannati a un anno e 4 mesi, Marras, e un anno e 8 mesi Caboni. A Marras è stato sequestrato in via cautelativa un fucile calibro 4,5 e 448 proiettili.

Nell’ambito dello steso contesto i carabinieri, al termine delle perquisizioni, hanno denunciato alla Procura della Repubblica di Oristano quattro persone di Assolo: C.L., 36 anni, disoccupato, trovato in possesso di 113,8 grammi di marijuana, un bilancino di precisione e materiale vario per il taglio ed il confezionamento, dallo stupefacente, M.P., 62 anni, vedova, pensionata, nella cui casa custodiva 301 munizioni calibro 12 illegalmente detenute, L.A., 33 anni, allevatore, nella cui abitazione c'erano 53 cartucce cal.12, illegalmente detenute. Nel corso del servizio i carabinieri hanno segnalato alla Prefettura di Oristano quale assuntore di sostanze stupefacenti D.A., 28 anni di Assolo, che aveva in casa 6,5 grammi di marijuana.

Le indagini sono iniziate settimane fa con pedinamenti e controlli delle persone che poi sono state effettivamente sorprese in possesso della droga. Quindi, due giorni fa, è scattata l’operazione
che ha condotto agli arresti. Le perquisizioni sono state numerose, anche grazie all’aiuto dei cani del nucleo Cinofili dei Cacciatori di Sardegna.

Ieri gli arrestati sono comparsi davanti al tribunale di Oristano per la direttissima, che si è conclusa con due condanne.

TrovaRistorante

a Oristano Tutti i ristoranti »

Il mio libro

SCRIVERE: NARRATIVA, POESIA, SAGGI

Come trasformare un libro in un capolavoro