Narbolia, uccisa dal marito per un tradimento di 40 anni prima

La vittima aveva confessato una vecchia relazione scatenando la reazione dell'uomo

NARBOLIA. Un movente, un testimone e un racconto pieno di bugie. L’anatomia di un delitto. Il principio è una vecchia infedeltà coniugale confessata un anno fa, la fine è il corpo di Brigitte Louise Pazdernik che annega nelle acque tra Torre del Pozzo e Is Arenas il 10 ottobre, dopo essere stata trascinata o spinta in mare dal marito Giovanni Perria, in carcere a Massama da giovedì mattina.

Brigitte  Pazdernik
Brigitte Pazdernik

Un anno fa, Giovanni Perria (78 anni) e la moglie Brigitte (77 anni) sono nella casa di via Su cunzau de is paras a Narbolia. C’è un segreto che lei vuol confessare dopo tantissimo tempo. Sono anziani e il peso di quell’errore commesso tanti anni prima non è per lei più sostenibile. Guarda il marito e gli racconta di aver avuto una relazione con un parente di lui una quarantina d’anni prima.

È in quel momento che tutto crolla, che il matrimonio perfetto va in frantumi. Passano i mesi e Giovanni Perria non riesce a perdonare. Quella macchia riaffiora sempre con tutto il suo carico di rancore che si porta dietro. Emerge – questa la ricostruzione degli agenti della Squadra mobile di Oristano guidati dal dirigente Samuele Cabizzosu e coordinati dal sostituto procuratore Armando Mammone – anche nel tardo pomeriggio del 10 ottobre. Quello della fine.

Articolo completo e altri servizi nel giornale in edicola e nella sua versione digitale

TrovaRistorante

a Oristano Tutti i ristoranti »

Il mio libro

IL SITO DI GRUPPO GEDI PER CHI AMA I LIBRI

Scrivere e pubblicare libri: entra nella community