solarussa 

Un week end di film: torna il festival “Terre di confine”

SOLARUSSA. A Solarussa entra nel vivo la XII edizione del film festival “Terre di confine” con tre intense giornate di appuntamenti in un abbraccio cinematografico con il Cile nel nome della Libertà....

SOLARUSSA. A Solarussa entra nel vivo la XII edizione del film festival “Terre di confine” con tre intense giornate di appuntamenti in un abbraccio cinematografico con il Cile nel nome della Libertà. Ricchissimo il programma della tre giorni che da oggi a domenica si snoderà tra proiezioni, incontri con autori, finestre sul cinema sardo e cileno, laboratori e mostre. Due i registi internazionali ospiti dell’evento culturale che animerà il paese. Sono il cileno Orlando Lubbert e il basco Josè Maria Gonzales. Tra i protagonisti sardi vanno segnalati Francesca Lixi e l’attore Alessandro Gazale.

Si apre in concomitanza con la più nota festa della donna, 8 marzo dunque, il festival del film in un gemellaggio cinematografico con il Cile che andrà avanti sino a domenica. La kermesse, organizzata dall’associazione Su Disterru, prenderà il via alle 17.30 nei locali della casa Sanna, con la proiezione del cortometraggio “La libertà”, il video spot realizzato durante i laboratori di cinematografia che hanno coinvolto gli abitanti di Solarussa e Asuni. Ma la manifestazione non trascura il mondo della scuola e con i laboratori “Liberi tutti” verranno coinvolti gli studenti dell’istituto comprensivo. Seguiranno diverse proiezioni: alle 18 “Historia de un oso” del premio Oscar per l’animazione, Gabriel Osorio, alle 18.20 sarà la volta della sarda Francesca Lixi con l’atteso “L’uomo con la lanterna” e alle 20 il corto documentario di Jose Luis Torres Leiva “Obreras saliendo de una fabrica”. In serata sarà inaugurata l’installazione artistica “Il bosco delle trasparenze” con le poesie di Giovanni Bernuzzi, accompagnata dalle letture guida dell'attrice Isella Orchis. All'iniziativa è collegato “Words resound” di Bianca Laura Petretto, opera di videoarte sul ritmo e la musicalità delle parole. Dopo la proiezione del film “Taxi para tres”, il regista Orlando Lubert dialogherà con il pubblico.

Sarà un omaggio al compianto maestro Ermanno Olmi ad aprire la giornata cinematografica di sabato a Casa Sanna, con la proiezione del film “Il posto”. Alle 16 poi sarà la volta del documentario “Nostalgia de la luz” di Patricio Guzmàn e, per la “Finestra sul corto sardo” sarà proiettato “Warlords”
di Francesco Pirisi e “Je ne veux pas mourir” di Massimo Loi, corto realizzato assieme a Gianluca Mangiasciutti.

Da lunedì prossimo poi, il festival proseguirà ad Alghero, Sassari e si concluderà di nuovo nell’Oristanese ad Asuni il weekend successivo con il gran finale.

TrovaRistorante

a Oristano Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Come trasformare un libro in un bestseller